Manutenzione giardino e terrazzo in inverno

Durante la stagione invernale il nostro giardino e le nostre piante necessitano comunque di alcune accortezze. 

Nonostante la manutenzione del prato sia sospesa, occorre rispettare alcune regole per fare in modo che non si rovini. L'ingiallimento di alcuni steli è normale e con la primavera torneranno ad essere verdi, ma è importante non calpestare il manto, infatti, se è intirizzito dal gelo gli steli rischiano di spezzarsi. Allo stesso modo, anche quando piove, non calpestatelo: il suo verrebbe compattato. Inoltre se è presente acqua ristagnante con conseguente formazione di pozzanghere, vuol dire che il drenaggio è insufficiente. La soluzione è quella di utilizzare una forza foraterra.

Per quanto riguarda le piante sempreverdi, finito l'inverno, le foglie e i rami possono risultare danneggiati dal gelo, rimuovetele per rinnovarle. Quando si attraversa un inverno particolarmente rigido, anche le piante più robuste possono danneggiarsi, presentando un fogliame annerito e floscio. Occorre rimuovere, anche in questo caso, le foglie danneggiate, per favorire la nascita di nuove foglie. Già in febbraio si possono eliminare le foglie avvizzite, ma per pulire il cespo è importante attendere fino a metà/fine marzo, quando l'inverno è terminato e con esso i geli, rimuovendo le zone deperite e marce. 



Le piante d'appartamento a foglia larga hanno bisogno del lavaggio delle foglie. Se la polvere si addensa, infatti, rischia di compromettere la fotosintesi e la traspirazione. Per quanto riguarda i portavasi, è importante controllare che non vi sia acqua stagnante: la pianta soffre, in quanto si riempie d'acqua nonostante in superficie sembri asciutta. Le piante d'appartamento hanno bisogno di ricevere una buona illuminazione, ma devono essere tenute lontane dai termosifoni; inoltre, durante l'inverno, vanno evitati i travasi, rimandandoli alla primavera, durante la ripresa vegetativa.

Phooto Credits: Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione