Comodato: alcuni chiarimenti


La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto alcune novità per il comodato d'uso che non riguardano la natura giuridica del contratto o la sua applicabilità ma interessano la fiscalità per il proprietario.


In particolare la legge ha consentito di dimezzare l'Imu e la Tasi sui fabbricati concessi in uso gratuito quando le persone che intervengono nel contratto e l'immobile hanno questi requisiti:


  • Il comodante (proprietario) e il comodatario  devono avere un rapporto di parentela diretta di primo grado, cioè essere genitore e figlio o viceversa.
  • L'immobile concesso in comodato deve costituire l'abitazione principale del comodatario.
  • Il proprietario deve avere la dimora abituale e la residenza nello stesso comune in cui si trova l'immobile concesso in comodato.
  • Il proprietario può possedere al massimo due immobili, purché nello stesso comune, dei quali uno è quello concesso in comodato e l'altro deve costituire la sua abitazione principale, intendendo come possesso anche gli altri diritti reali, quali usufrutto, diritto di abitazione e uso.
  • L'immobile concesso in comodato deve essere di uso abitativo e  non deve appartenere alle seguenti categorie catastali: A1, A8 e A9.
  • Il contratto di comodato va registrato.









Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione