Post

Superbonus 110%: l'intervento sui decori è detraibile?

Immagine
L'Agenzia delle Entrate fornisce nuovi chiarimenti in materia di Superbonus al 110%.  Nello specifico, il quesito di un contribuente riguardava la rimozione e il riposizionamento di elementi decorativi appartenenti alla facciata di un edificio, la quale non è sottoposta ad alcun vincolo storico-artistico e per la quale si vorrebbe procedere con la realizzazione di un cappotto termico. Di fatto, le spese riguardanti gli interventi sui decori possono essere detraibili con il Superbonus? L'Agenzia, tramite la risposta n.685 del 2021, ha spiegato che la rimozione dei decori e il loro rifacimento con materiali isolanti è un intervento che può beneficiare dell'agevolazione fiscale. Ciò è possibile perché il bonus è applicabile per gli interventi di isolamento termico degli involucri edilizi e perchè esso spetta anche per gli altri eventuali costi collegati alla realizzazione degli interventi agevolabili, a patto che l'intervento al quale fanno riferimento venga effettivamente

Tendenze: il camino e la stufa che arredano

Immagine
Il riscaldamento, fondamentale per il comfort all'interno delle nostre abitazioni, diventa ora un vero e proprio elemento di arredo, grazie all'incontro con il mondo del design.  Le fonti di calore nelle nostre case sono sempre più diversificate e la tendenza è quella di combinare efficienza energetica, tecnologia e gusto estetico. In questo articolo abbiamo selezionato alcune delle novità più in voga dalle quali prendere ispirazione.  Le stufe a pellet sono pratiche ed ecologiche, perchè il combustibile deriva da fonti rinnovabili (segatura di legno pressata), inoltre consentono di ottenere comfort termici ottimali, contenendo i costi. Quelle più innovative possono essere comandate con smartphone grazie alla domotica. I caminetti hanno subito un'incredibile evoluzione in fatto di design. Partendo da quelli più tradizionali, per intenderci quelli tipici delle case di montagna e di campagna, si arriva a quelli rivestiti in marmo, fino a quelli, veramente scenografici, sospes

L'immobiliare si racconta: l'agente immobiliare oggi.

Immagine
Un tempo esisteva il mediatore di piazza, colui che intratteneva pubbliche relazioni nella piazza del paese. Cercava di acquisire immobili da vendere e compratori disposti ad acquistare, facendo quattro chiacchiere al bar e con i passanti. Chiunque poteva essere un mediatore, non c’era l’obbligo di essere iscritto nel ruolo degli agenti di affari in mediazione, ciò nonostante gli era dovuta   la parcella di mediazione anche solo per una semplice indicazione data. Tutto era più facile, bastava una stretta di mano e la parola valeva più di un accordo scritto con mille clausole. Altri tempi. Oggi non è più così…l’agente immobiliare, riveste un ruolo importante e di responsabilità, deve avere requisiti di legge precisi per poter svolgere l’attività, deve essere iscritto al registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, deve aver effettuato un corso con superamento dell’esame e un codice deontologico insegna come comportarsi nei confronti del pubblico, secondo i principi di correttez

Bonus prima casa under 36: non si applica al preliminare

Immagine
Con la recente risposta all’interpello n. 650 del 1° ottobre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni importanti chiarimenti in merito alla nuova agevolazione prima casa per gli acquisti effettuati dai soggetti under 36 relativamente alla tassazione applicabile in sede di registrazione del contratto preliminare di acquisto.  Il bonus prima casa per gli under 36 Il tema di cui si discute è l’agevolazione fiscale introdotta dall'articolo 64 del D.L. n. 73 del 2021. Secondo tale normativa, gli atti traslativi a titolo oneroso della proprietà di "prime case" di abitazione, ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9, e gli atti traslativi o costitutivi della nuda proprietà, dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione relativi alle stesse sono esenti dall'imposta di registro e dalle imposte ipotecaria e castale se stipulati a favore di soggetti che non hanno ancora compiuto 36 anni di età nell'anno in cui l'atto è rogitato e che hann

La ricontrattazione del canone di locazione

Immagine
Con la legge 21 maggio 2021, n. 69, di conversione del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41 (cd. “Decreto Sostegni”), art. 6 - novies, rubricato “Percorso condiviso per la ricontrattazione delle locazioni commerciali”, è stata introdotta una disposizione diret ta a consentire un percorso regolato di condivisione dell’impatto economico derivante dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, a tutela delle imprese e delle controparti locatrici, nei casi in cui il locatario abbia subito una significativa diminuzione d el volume d’affari, del fatturato o dei corrispettivi, derivante dalle restrizioni sanitarie, nonché dalla crisi economica di taluni comparti e dalla riduzione dei flussi turistici legati alla crisi pandemica in atto. Per espressa previsione normativa, locatario e locatore sono tenuti a collaborare tra di loro per rideterminare il canone di locazione. L’obbligo di procedere alla registrazione dell’accordo di riduzione del canone locativo Con riguardo all’obbligo

Expo Dubai: ecco il padiglione dell'Italia

Immagine
Con un anno di ritardo apre le porte Expo Dubai 2020, che era stata rimandata lo scorso anno a causa della pandemia mondiale. L'Italia partecipa con il padiglione progettato da CRA- Carlo Ratti Associati e Italo Rota Building Offici insieme a F&M Ingegneria e Matteo Gatto. Il Padiglione italiano è un vero e proprio esperimento di architettura riconfigurabile e circolarità, con tre grandi scafi di navi che vanno a formare il tetto della struttura, una facciata multimediale che è stata realizzata con 70km di corde nautiche in plastica riciclata e un sistema di mitigazione del clima atto a sostituire l'utilizzo dell'aria condizionata. L'edificio si estende su una superficie di oltre 3.500 mq e fa uso di materiali sostenibili come le bucce d'arancia, la sabbia, le alghe e i fondi di caffè, suggerendo in questo modo strategie progettuali che possono essere applicabili a livello internazionale. L'obiettivo del progetto è affrontare il tema della crisi climatica e

Compravendita di un immobile e registrazione del preliminare

Immagine
Se state cercando casa, o comunque un immobile, avrete sicuramente sentito parlare del preliminare di compravendita e della sua registrazione con oneri a carico dell'acquirente. Ma che cos'è esattamente la registrazione? Gli agenti immobiliari hanno l'obbligo di registrare le scritture private non autenticate di natura negoziale stipulate a seguito della loro attività per la conclusione degli affari, come regolato nell'articolo 10, lettera d-bis del Tur.  L'inserimento del comma 1-bis all'articolo 57 ha inoltre sancito la loro coobbligazione solidale con le parti in merito al pagamento dell'imposta relativa.  Nello specifico, comunque, la registrazione del preliminare è un semplice adempimento fiscale, la quale è del tutto scollegata dalla tutela che deriva dalla trascrizione preliminare: l'atto notarile. Photo Credits: Pinterest.it e Google Images Visita  https://www.serviziimmobiliari.eu/  per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle loc

Imposta pagata in eccesso: come recuperarla

Immagine
Come è possibile conciliare la normativa sul prezzo valore di un immobile regolata dalla legge 266/2005 (tassazione sul valore catastale rivalutato e non sul prezzo di acquisto) con le ipotesi di preliminare che preveda caparre e/o acconti che diano luogo a un'imposizione immediata più alta rispetto a quella del definitivo? È stato riconosciuto dall'amministrazione finanziaria che nei casi in cui l'imposta proporzionale corrisposta per la caparra confirmatoria e per gli acconti risulti più alta rispetto all'imposta di registro dovuta per il contratto definitivo, è previsto il rimborso della maggiore imposta proporzionale versta per la registrazione del preliminare di compravendita, secondo quanto previsto dall'articolo 77 Tur, a pena di decadenza entro 3 anni dalla registrazione dell'atto definitivo di compravendita.  Photo Credits: Pinterest.it e Google Images Visita  https://www.serviziimmobiliari.eu/  per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale dell

Inadempimento: quali sono le differenze tra caparra e acconto?

Immagine
Quando si stipula un preliminare di compravendita per l'acquisto di un immobile residenziale e non, quali sono le differenze tra caparra confirmatoria e acconto prezzo? Per quanto riguarda l'acconto, questo è un semplice anticipo sull'importo totale che deve essere corrisposto al venditore quando si acquista il bene. L'acconto dovrà essere restituito qualora l'affare non dovesse concludersi, ferma la possibilità dell'azione giudiziaria intentata da colui che si ritenesse leso. Parlando invece di caparra confirmatoria, disciplinata dall'articolo 1385 del Cc, ha una rilevanza risarcitoria qualora vi fosse l'ipotesi di inadempimento. Nello specifico, se l'inadempimento viene imputato all'acquirente, allora la caparra verrà trattenuta dal venditore, al contrario, se l'inadempimento fosse imputato al venditore, allora l'acquirente potrà richiedere la restituzione del doppio della caparra versata, in modo da ottenere un risarcimento forfettario

Bonus fiscali e cambio destinazione d'uso: come funziona?

Immagine
Un immobile sul quale vengono eseguiti interventi di efficientamento energetico e di ristrutturazione, qualora venisse poi destinato a studio professionale, di quali detrazioni fiscali può usufruire? L'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti con la risposta 611/2021. Nel caso preso in esame il proprietario dell'appartamento vuole realizzare interventi di ristrutturazione e efficientamento, al seguito dei quali l'immobile sarà concesso in comodato d'uso al coniuge, il quale lo utilizzerà come proprio studio professionale. Il cambio di destinazione d'uso potrebbe di fatto comportare la perdita delle detrazioni fiscali? L'Agenzia ha chiarito che per poter usufruire del bonus ristrutturazioni, gli interventi devono necessariamente essere eseguiti su edifici residenziali o su parti di edifici residenziali, di qualunque categoria catastale, esistenti. Vengono quindi esclusi dalla detrazione tutti quegli interventi che vengono realizzati su edifici o parti