Cosa sapere sulla nuda proprietà


La nuda proprietà è un'alternativa che il mercato immobiliare offre a chi intende comprare casa per uso investimento. Infatti i prezzi dell’immobile venduto in nuda proprietà risultano essere più proporzionali e ciò dipende dal fatto che quando si acquista con la nuda proprietà non si dispone immediatamente dell’abitazione. Con tale modalità, il diritto di proprietà sull'immobile viene acquisito nell'immediato MA non si potrà usufruire del bene concretamente. 

Andando più nello specifico è doveroso definire in modo più preciso il significato di nuda proprietà: è un caso di proprietà privata alla quale non si accompagna un diritto reale di godimento del bene cui è relativa.

Cosa accade: il proprietario del bene lo aliena (trasferisce)  mantenendo, comunque, il diritto di abitazione e di utilizzazione per tutta la vita o fino ad una data stabilita nel contratto. L'usufruttuario ha la possibilità di affittare l'immobile o vendere l'usufrutto a terze parti con l'obbligo di rispettare le condizioni e i termini previsti dal contratto.


Come si acquisisce? 
Nella maggior parte dei casi per acquistare un immobile in nuda proprietà ci si avvale di un’agenzia immobiliare che si occupa della gestione di tutte le pratiche necessarie per concludere l’acquisto. Il prezzo di vendita dell’immobile in questo caso viene stabilito da una perizia professionale che tiene conto di due fattori: il valore del mercato dell’immobile e un coefficiente che varia in base all’età dell’usufruttuario


Di chi si deve far carico delle spese, imposte e contributi? Le spese relative agli interventi di manutenzione ordinaria dell’abitazione sono a carico dell’usufruttuario, diverso è per quelle straordinario le quali devono essere sostenute dal nudo proprietario. Le imposte ed i tributi (es. IRPEF, IMU, TASI, ICI) sono a carico dell’usufruttuario secondo quanto stabilito dall’articolo 1008 del Codice Civile: “l’usufruttuario è tenuto, per la durata del suo diritto, ai carichi annuali, come le imposte, i canoni, le rendite fondiarie e gli altri pesi che gravano sul reddito”.

Come e quando il nudo proprietario potrà usare anche materialmente il suo bene:

  • morte dell'usufruttuario 
  • scadenza del contratto 
  • per non uso da parte dell'usufruttuario
  • quando vi è la situazione di distruzione del bene 
  • per abuso dell'usufruttuario  che deteriora il bene: ciò accade non soltanto arrecando danni all’immobile ma anche nei casi in cui non si faccia carico di interventi di manutenzione ordinaria per il mantenimento del buono stato dell’immobile. 

 Photo Credits: PIXABAY
Visita  https://www.serviziimmobiliari.eu/  per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.




Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Uso promiscuo di un immobile: un po' di chiarezza

Realizzare un pozzo artesiano: rientra nel Bonus Verde?