La Rubrica di Valeria: come pulire le fughe delle piastrelle?



Gli interstizi tra una piastrella e l'altra, comunemente chiamati "fughe", sono un luogo in cui lo sporco si annida facilmente, che si tratti delle piastrelle del pavimento, del rivestimento della cucina o di quello del bagno. Ecco quindi alcuni suggerimenti per ottenere ottimi risultati e mantenere pulite le fughe.

In base al materiale del quale sono fatti i vostri rivestimenti è bene utilizzare prodotti differenti; in ogni caso consiglio sempre l'impiego di prodotti naturali in sostituzione a quelli chimici. 

Nel caso in cui le vostre piastrelle fossero in ceramica, vi trovate in presenza di un materiale poroso tra una piastrella e l'altra. Mescolate una parte di acqua ossigenata con tre parti di bicarbonato (il quale è ottimo contro le macchie di grasso e muffa), munitevi quindi di uno spazzolino da denti a setola dura e strofinate il composto sulle fughe. Una volta fatto riposare per alcuni minuti, potete rimuovere il tutto con uno straccio bagnato. Nel caso in cui le macchie presenti fossero dovute al calcare, un ottimo rimedio è l'utilizzo di succo di limone, tamponando le zone macchiate, e lasciando riposare il tutto per mezz'ora.

Se il rivestimento del vostro bagno e/o della vostra cucina è composto da mosaico o piccole piastrelle, vi consiglio di impiegare il vapore. Con l'aiuto di un'apposita caldaia è possibile rimuovere facilmente lo sporco, anche grazie all'utilizzo di una spazzola qualora il getto del vapore non fosse sufficiente per pulire completamente le fughe. Invece se vi fosse presenza di calcare il vapore non avrebbe alcun effetto: in questi casi è meglio utilizzare dell'aceto bianco, tamponando le zone interessate e ripulendo il tutto con uno straccio bagnato.

Il vapore è un ottimo rimedio anche nel caso di rivestimenti in pietra o in marmo. Con questi materiali infatti non è possibile utilizzare bicarbonato o succo di limone. Una volta terminata l'operazione con il valore è bene asciugare la superficie con uno straccio asciutto. 

Per quanto riguarda i rivestimenti lucidi, attenzione all'utilizzo di prodotti corrosivi o l'impiego dello spazzolino: finiranno per rovinare la superficie, andandola ad opacizzare e/o graffiarla. Ancora una volta il vapore è il rimedio più efficace e sicuro. Fate attenzione: per quanto riguarda i rivestimenti particolarmente delicati è bene che lo sporco venga rimosso subito, evitando la stratificazione di diversi tipi di sporco. 




Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione