Coworking: un nuovo modo di intendere il lavoro

Il termine coworking, nato negli Stati Uniti, è sempre più popolare, in quanto è facilmente adattabile alle diverse esigenze delle aziende: gli spazi sono ripensati, trasformandosi in ambienti dedicati alla socialità. In Italia, questa tendenza ha fatto la sua comparsa nel 2008 e da quell'anno a oggi le aziende che hanno aderito al coworking sono ormai realtà strutturate e consolidate. 

Ma cosa intendiamo quando parliamo di coworking? Con questo termine si intende uno spazio in cui free-lance e professionisti trovano un luogo in cui lavorare, condividendo scrivanie e attrezzature. Originariamente il coworking aveva lo scopo primario di consentire ai coworkers di risparmiare, pagando e usando un luogo solamente nel momento in cui ne avevano bisogno. Con il passare del tempo però è nata una sorta di cooperazione tra coworkers, dove professionisti con competenze differenti hanno cominciato a confrontarsi e a sviluppare progetti condivisi. 


Dato che si tratta di una tendenza sempre più imperante anche nel nostro paese, occorre che anche le agenzie immobiliari attuino delle strategie adatte a questo contesto. Secondo quanto rilevato dall'Ufficio Studi di BNP Paribas Real Estate Italy, il coworking è diffuso sul territorio nazionale, ma Milano resta la città in cui si concentra il maggior numero di casi. Gli effetti del fenomeno "coworking" sono riscontrabili non soltanto nelle maggior opportunità che può offrire, ma anche nell'introduzione di nuove dinamiche nel mercato immobiliare, sia per quanto riguarda i proprietari che per quanto riguarda i conduttori. 

Il coworking si è diffuso principalmente nei grandi centri urbani, in cui gli affitti sono generalmente molto elevati. Questo comporta una crescita esponenziali di spazi sempre più grandi che possono accogliere sempre più frequentatori. Analizzando alcune città europee, è possibile notare come a Madrid la dimensione media degli spazi dedicati al coworking sia circa di 2.701mq, mentre arriva ai 3.500mq ad Amsterdam, fino a toccare i 5.000mq a Vienna.  

Concentrandoci sempre sulla situazione europea, è Londra la città con la rete più fitta di coworking, ma anche Dublino, Milano e Vienna manifestano un rapido andamento positivo, in continua espansione. 



Photo Credits: Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione