Se l'inquilino non paga, cosa si può fare?

Hai messo la tua casa in affitto ma il conduttore del contratto è moroso? Puoi procedere con diverse soluzioni, ricordati che non esiste solo lo sfratto!

Nel caso in cui vi trovaste di fronte a un inquilino che non versa il canone mensile pattuito, la prima soluzione che può venirvi in mente è quella di rivolgervi ad un avvocato per avviare una procedura di sfratto, la quale però è particolarmente lunga. Infatti non ha effetto immediato, quindi in qualità di proprietari dovrete attendere almeno un anno per poter rientrare in possesso dell'immobile e non percepirete il corrispettivo pattuito con l'affittuario.

Vi sono due soluzioni alternative in grado di fornire maggiori garanzie al proprietario dell'immobile affittato: una è la stipula di una polizza assicurativa da parte del proprietario, mentre l'altra è la dazione di garanzie da parte dell'inquilino.

La stipula di una polizza assicurativa è sicuramente la soluzione più facile da adottare. Come funziona? Il proprietario dell'immobile si rivolge a una compagnia assicurativa stipulando un contratto che ha come obbiettivo quello di tutelare il conduttore dai rischi connessi al contratto di locazione, a fronte del pagamento di un premio assicurativo. Nel caso in cui si optasse per questa soluzione bisogna fare prestare attenzione a diversi aspetti, tra i quali l'oggetto dell'assicurazione (quindi i rischi effettivamente assicurati), verificare il tetto massimo di canoni insoluti e valutare se il premio richiesto è conveniente. Inoltre occorre prestare attenzione ai risarcimenti relativi ad eventuali danni causati dall'inquilino, tenendo in considerazione il fatto che, per evitare abusi da parte del proprietario, la polizza è operativa solo nel caso in cui il contratto è regolarmente eseguito dalle parti per un dato periodo di tempo.

Per quanto riguarda la dazione di garanzie da parte del conduttore del contratto di affitto, ci troviamo di fronte a una via più impervia da percorrere, in quanto non è facile trovare conduttori disposti a rilasciare una fideiussione bancaria o assicurativa, o altre garanzie realmente efficaci. Bisogna ammettere però che questa è la la soluzione meno gravosa per il proprietario dell'immobile in quanto per lui non ha costi.

Photo Credits: Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione