Vendita senza visure? Risponde il notaio

Il notaio in una compravendita di immobili, che abbia come oggetto più beni appartenenti al medesimo complesso edilizio, il quale si limiti a verificare l'atto di divisione degli immobili senza eseguire ulteriori accertamenti risalenti nel tempo, ha l'onere di risarcire il cliente. 

Questa sentenza è relativa alla vendita di un immobile del quale il venditore non era in realtà proprietario, in quanto non era mai entrato in possesso di un titolo valido. Non sarebbe stato difficile scoprire questa situazione, se solo si fosse risaliti allo storico dell'immobile.


La Corte d'Appello aveva sollevato dalla responsabilità il notaio che aveva eseguito l'atto, in quanto due colleghi prima di lui avevano già stipulato degli atti, senza accorgersi della situazione. Ma la Cassazione con la sentenza 21775/2019, ha accolto il ricorso della società cliente, senza perseguire la strada della negligenza altrui. Questo perché, in una compravendita, il notaio deve premurarsi di eseguire tutte le operazioni necessarie per verificare le attività accessorie e successive, e in particolar modo deve eseguire le visure catastali e ipotecarie. Si tratta di doveri che un notaio è obbligato ad assolvere per il trasferimento immobiliare mediante scrittura privata autenticata.

Photo Credits: Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione