Possibilità di aderire al provvedimento Saldo-Stralcio via telematica: scopri come

Il Saldo-Stralcio è un provvedimento rivolto a persone fisiche che si trovano in gravi situazioni economica, agevolandole con una riduzione dei debiti fiscali e contributivi.
L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione il servizio "Fai da Te" che permette di compilare online, senza bisogno di recarsi allo sportello, la domanda per usufruire del provvedimento economico sopra citato.



Con la legge di bilancio 2019 è stato approvata la nuova misura economica del Saldo-Stralcio. 

Possono godere di questo servizio tutti coloro che versano in condizioni economiche delicate, ovvero tutte le persone fisiche che dimostrino di avere requisiti reddituali e patrimoniali inferiori ad un limite prestabilito (Isee del nucleo famigliare inferiore ai 20mila Euro oppure procedura di liquidazione per sovraindebitamento) e che abbiano contratto un debito per il mancato pagamento delle imposte tra il 1° Gennaio 2000 e il 31 Dicembre 2017.
Coloro che usufruiranno del Saldo-Stralcio potranno estinguere il loro debito pagando una percentuale in funzione del contesto economico del contribuente. Infatti per Isee inferiore a 8500€ la percentuale da versare è pari al 16%, per Isee compresa tra 8500€ e 12500€ la percentuale sale al 20%, mentre per Isee fino a 20000€ si deve versare il 35% della quota totale.


Come fare richiesta?
Come già visto è possibile presentare la domanda anche online senza la necessità di recarsi ad uno sportello. La documentazione da presentare é: modulo compilato SA-ST, dati personali e di domiciliazione, indirizzo email.
Il passo successivo è quello di indicare le cartelle e/o gli avvisi per i quali si intende usufruire dell'agevolazione e se si aderisce al provvedimento in base al valore dell'Isee o per la presenza di una procedura di liquidazione per sovraindebitamento.
Dopo aver verificato la correttezza dei dati il contribuente deve indicare se verserà la somma dovuta in un’unica soluzione oppure in un massimo di 5 rate.
Se venisse avanzata una richiesta per l'ottenimento dell'agevolazione per debiti non rientranti nelle categorie elencate sopra, la domanda viene considerata come richiesta di accesso alla cosiddetta rottamazione-ter.

Photo Credits: Google Imagine & Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione