Andamento del mercato degli affitti in funzione dei tassi zero di interesse sui mutui

In questo fase di crisi economica e accomodamento della moneta, le banche concedono mutui a tassi zero e/o a condizioni molto favorevoli e agevoli come non era mai capitato negli anni precedenti.
In poche righe cerchiamo di spiegare in che modo il calo dei tassi di interessi sui mutui influenzi il mercato degli affitti.

E' importante soffermarsi in primis sul ragionamento e sul comportamento dei proprietari di seconde case al fine di capire come evolverà nel breve e nel medio periodo per gli inquilini il mercato degli affitti. In genere chi possiede un secondo immobile o lo tiene per i propri figli oppure sceglie di mettere a frutto il proprio investimento. Il rendimento dell'investimento è dato dal canone di locazione che esso riceve.
Sulla base dei dati raccolti sulle principali città italiane (Milano, Torino,  Roma e Napoli) risulta che mediamente il canone di locazione per metro quadrato è pari a quasi il 5,7% annuo rispetto ai prezzi di mercato immobiliare. Quindi se oggi uno acquistasse una seconda casa a 100 dovrebbe attendersi di riscuotere con la locazione 5,5-6.  

Un rendimento così significativo e le condizioni estremamente favorevoli di questo momento sui mutui rendono molto appetibile l'acquisto di immobili ad uso investimento. 
Nel breve periodo questo andamento si traduce in un aumento degli immobili da locare con la conseguenza di una diminuzione dei canoni. 
Sul lungo termine, con un inevitabile aumento dei prezzi di compravendita, ci dobbiamo aspettare una crescita del canone di affitto in quanto i proprietari vorranno monetizzare sempre più.


Photo Credits: Pinterest.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione