La Rubrica di Valeria: consigli utili per pulire i lampadari

Se state pensando di dare una ripulita profonda alla vostra casa, non potete di certo tralasciare i lampadari. Si tratta dell'incubo di tutti, anche dei più puntigliosi, perché sono installati in una posizione particolarmente scomoda da raggiungere e molto spesso sono oggetti delicati da pulire. Ho preparato per voi qualche consiglio che può aiutarvi a semplificare il processo.

Prima di tutto dovete premurarvi di staccare l'elettricità, in modo da evitare pericolosi incidenti. In secondo luogo, se possibile, dovreste staccare il lampadario dalla parete o dal soffitto in cui è posizionato. Nel caso in cui questo non fosse possibile, munitevi di una scala e rimuovete le lampadine.  

Prendete quindi uno straccio in microfibra pulito e cospargetelo di alcune gocce di un olio essenziale a vostro piacimento: questo piccolo trucco è per regalare un piacevole profumo all'ambiente, facilitando anche la rimozione della polvere accumulatasi. 


Nel caso in cui i vostri lampadari fossero in vetro o in cristallo, dovete prestare particolare attenzione, perchè si tratta di materiali molto delicati. Munitevi quindi di acqua tiepida e aceto, una soluzione semplice, ma miracolosa contro lo sporco incrostato, che darà nuova lucentezza a questi materiali così fragili. Intingete lo straccio nel composto e dopo averlo strizzato bene, pulite minuziosamente le superfici. Se potete smontare il lampadario, per fare prima, potete immergerlo direttamente in una bacinella con aceto e acqua tiepida (un cucchiaio di aceto per ogni litro d'acqua), lasciandolo a mollo per circa 10 minuti. Fatto questo risciacquatelo con acqua corrente calda. É fondamentale che, terminato il risciacquo, asciughiate con cura il lampadario con un panno in microfibra, in modo da non lasciare aloni. 
Per i lampadari di cristallo o vetro che presentano macchie particolarmente persistenti, dovute ad esempio al grasso, un'ottima soluzione può essere quella di utilizzare il detersivo per i piatti prima di utilizzare acqua tiepida e aceto. 

Se i vostri lampadari hanno alcune parti in tessuto, dovete fare molta attenzione, perchè se puliti nel modo scorretto possono crearsi nuove macchie. Nel caso in cui si trattasse di lino o cotone, potete tranquillamente lavarli come si trattasse del comune bucato. Se invece sono fatti di carta di riso o feltro dovete stare molto attenti, perchè trattandosi di materiali non rimovibili l'unica operazione che potete compiere per pulirli è quella di passare uno straccio leggermente umido per togliere la polvere. 

Infine, nel caso in cui i vostri lampadari presentassero componenti in acciaio o in ottone, occorre eseguire un lavaggio di queste parti utilizzando uno spazzolino (va bene anche un comune spazzolino da denti) imbevuto in acqua tiepida e limone, un composto ideale per la pulizia di questi materiali. 




Photo Credits: Pinterest.it 

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione