Scopriamo la bioedilizia e lo ZNEB: come verranno costruite le case a basso impatto ambientale

Buone notizie: il mercato immobiliare italiano si profila sempre più in direzione del risparmio energetico! Vengono scelgono infatti materiali per la costruzione di edifici, o per la ristrutturazione di immobili già esistenti, che siano più attenti all’impianto ambientale e ad alta sostenibilità. La bioedilizia, infatti, è un fenomeno in crescita tra i costruttori, in quanto contribuisce alla creazione di un elevato comfort abitativo grazie anche ai diversi strumenti innovativi di tecnologia per la casa.
Ma cosa si intende per Bioedilizia?
Con il termine bioedilizia, o bioarchitettura, si indica la modalità di progettare, costruire e gestire un edificio in modo da essere in linea con i principi della sostenibilità ambientale, riducendo gli impatti negativi sull’ambiente.
Gli edifici progettati secondo i principi della bioedilizia sono completi di fonti di energia rinnovabile per il riscaldamento e per il raffrescamento, come ad esempio l’energia solare per l’acqua calda, il fotovoltaico, le biomasse ed il geotermico.
Per essere eco-compatibile, un immobile deve mantenere standard di sostenibilità ambientale in tutte le fasi del suo ciclo di vita, dalla costruzione alla sua demolizione. Si tratta di un nuovo approccio all’architettura che promuove l’integrazione degli edifici con chi ci abita e con l’ambiente naturale.
NZEB: le case del futuro 
Per ZNEB intendiamo costruzioni a fabbisogno energetico quasi zero, in quanto l'acronimo significa Near Zero Energy Building: speciali edifici capaci di minimizzare i più diversi tipi di consumi come quelli legati al riscaldamento, al raffrescamento, all’illuminazione, utilizzando fonti totalmente rinnovabili ma anche particolari sistemi di ombreggiamento.
A partire dal 2021 le nuove costruzioni saranno tutte NZEB ma in Italia sono già presenti alcuni esempi di immobili green.
Per esempio, in provincia di Pisa, è già stata costruita una villetta NZEB, con alla base un prefabbricato totalmente di legno su due piani, con muri di paglia e un impianto di ventilazione che si basa sulla termodinamica con un pannello touch per il controllo, rendendo così la struttura oltre che sostenibile anche smart e altamente tecnologica.


Photocredit: Google Images



Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione