Agevolazioni mutuo 2018 per acquistare la prima casa: come funziona e i requisiti per richiederlo

Oggi analizziamo un argomento che riguarda le giovani coppie: le agevolazioni per l'acquisto della loro prima casa. Con il "Fondo di garanzia mutuo prima casa", che ha sostituito il vecchio "Fondo Casa" , le giovani coppie e le famiglie con un solo genitore sono aiutate dallo Stato per acquistare la prima casa.

Si tratta infatti di un fondo di solidarietà e garanzia, istituito dallo Stato per agevolare l'acquisto di un immobile con incentivi fiscali mirati. Il passaggio tra il vecchio e il nuovo fondo di garanzia, è avvenuto con l'entrata in vigore del Decreto 31 luglio 2014 e con la sottoscrizione dell'intesa tra il Ministero dell'economia e finanze, Tesoro e ABI.

Vediamo nel dettaglio il Fondo di garanzia mutuo prima casa

Il Fondo di garanzia che è attivo quindi dal 30 settembre 2014, dispone di circa 650 milioni di euro con i quali è possibile offrire garanzie su finanziamenti ipotecari per un ammontare complessivo stimato in 20 miliardi di euro. 

La garanzia è concessa nella misura massima del 50 per cento della quota capitale del mutuo che viene concesso, ovvero, la garanzia interviene qualora la giovane coppia rientrante nelle agevolazioni previste dal Fondo, non riesca a più a pagare le rate del mutuo dopo aver coperto il 50% della quota capitale, il 50% degli oneri non superiori al 5% del capitale residuo e il 50% degli interessi calcolati al tasso legale.

In questo caso, il recupero del credito non viene attivato dalla banca ma dallo stesso Ministero della Gioventù mediante l’emissione di cartelle esattoriali.

Ma chi può richiedere le agevolazioni per un mutuo finalizzato all'acquisto della prima casa? Ci sono tre fattori da tenere in conto quando si presenta la domanda di mutuo:

  • il richiedente non deve essere proprietario di altri immobili ad uso abitativo salvo quelli acquistati per successione mortis causa, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli;
  • l'immobile ad uso abitativo deve essere sito nel territorio nazionale e non deve avere una superficie superiore e a 95 metri quadrati;
  • l'immobile non deve rientrare nelle categorie catastali A1 (abitazioni di tipo signorile), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici) e non deve avere le caratteristiche di lusso indicate nel decreto del Ministero dei lavori pubblici in data 2 agosto 1969, n. 1072. 

Le agevolazioni che riguardano il mutuo per la prima casa, possono essere richieste per l'acquisto, la ristrutturazione o l'accrescimento dell'efficienza energetica di immobili non di lusso, adibiti ad abitazione principale del soggetto che contrae il mutuo. 

Requisiti per ottenere le agevolazioni per l'acquisto prima casa 2018:

Per presentare la domanda di accesso alle agevolazioni Fondo prima casa 2018 le giovani coppie e i nuclei familiari monogenitoriali (famiglie con un solo genitore) devono essere in possesso di determinati requisiti:
- almeno uno dei due componenti deve essere di età inferiore ai 35 anni;
- la coppia o il genitore single, devono avere un contratto di lavoro atipico; 
- chi acquista l'immobile deve essere conduttore di alloggi di proprietà degli IACP (Istituto Autonomo Case Popolari) Ater (Aziende Territoriali Edilizia Residenziale) ecc.

Come richiedere le agevolazioni prima casa giovani coppie? 

La richiesta di accesso al Fondo di garanzia va fatta direttamente alla banca o all'intermediario che aderisce all'iniziativa, presentando i documenti sopra elencanti. Una volta che la banca o l'intermediario, hanno provveduto a raccogliere la documentazione, deve provvedere ad inviare online la domanda al Gestore del Fondo per la Casa per usufruire delle agevolazioni acquisto prima casa giovani coppie. 

Alla richiesta di attivazione della garanzia del Fondo per i mutui previsti, inviata dalla banca, viene attribuito un numero di protocollo progressivo secondo l'anno, il mese, il giorno, l'ora e il minuto di arrivo della richiesta.

Questo numero di protocollo serve a determinare la precedenza di diritto all'accesso alle agevolazioni in caso di scarsità di fondi. Entro 15 giorni lavorativi, la banca comunica ai richiedenti l'avvenuta ammissione alla garanzia del Fondo. Invece, nel caso in cui le disponibilità economiche del fondo fossero esaurite, la comunicazione della non ammissibilità della domanda, che il Gestore deve fare alla banca deve avvenire entro 3 giorni lavorativi. 

Se l'esito della domanda è positivo e quindi è confermato l'accesso al Fondo per la Casa della giovane coppia, entro 30 giorni lavorativi, viene erogato il mutuo e parte la garanzia dello Stato. Si ricorda però che ai fini di concessione del mutuo mediante agevolazioni acquisto prima casa giovani coppie, le banche rimangono libere di poter accettare la domanda e di erogare o meno il mutuo.

E per il modello per la domanda online del mutuo giovani coppie 2018? 

L'ammissione al Fondo l'acquisto della prima casa da parte delle giovani coppie e accedere quindi alle agevolazioni previste, deve avvenire mediante specifica domanda su apposito modello che deve essere inviato online insieme alla documentazione richiesta. 

Il modello domanda agevolazione acquisto prima casa giovani coppia è stato pubblicato sul sito ufficiale del Dipartimento del Tesoro.
Tale dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà, deve essere presentata direttamente in banca o presso gli intermerdiari.

Tipi di mutuo e tassi di interesse: 

Le agevolazioni acquisto prima casa giovani coppie e per famiglie con un solo genitore con figli minorenni, consistono in una serie di misure ad hoc al fine di agevolare la concessione del mutuo da parte delle banche. 

Pertanto, i giovani che intendono acquistare l'abitazione principale presentando la domanda al Fondo, possono ottenere agevolazioni sui questi mutui:
  • Mutui ipotecari acquisto prima casa; 
  • Mutuo ipotecario non superiore a 250.000 euro; 
  • Mutuo con tassi applicati e condizioni, stabiliti dalle singole banche entro i parametri predefiniti. 
I tassi applicabili a mutui prima casa, sono quelli fissati da euribor o irs, a seconda che la giovane coppia abbia optato per un mutuo a tasso variabile o fisso, al quale si deve aggiungere 1,5% di spread per i mutui con durata superiore ai 20 anni e 1,20% di spread per i mutui con tasso non superiore a quello pubblicato trimestralmente dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Le banche e gli intermediari, si impegnano a non chiedere ai mutuatari garanzie aggiuntive oltre all’ipoteca sull’immobile e alla garanzia fornita dallo Stato. 


Photo credit: Google Images & Pexels.com


Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione