Scopriamo tutte le caratteristiche del Bonus Schermature Solari 2018


Bonus tende: di cosa si tratta e come funziona



Torniamo a parlare dell'ecobonus 2018: questa volta tratteremo l'argomento "Bonus tende", per far chiarezza su quali spese sono detraibili, per quale importo e a chi spetta il bonus.

Il bonus tende 2018 è un'agevolazione fiscale per chi acquista tende da sole, sia da esterno che da interno per la casa, usufruendo di una detrazione IRPEF al 50% sulle spese sostenute, purché si rispettino requisiti indicati nell'Allegato M del Dlgs 311/2006.


Lo Stato ha deciso di istituire questo bonus, che rientra nell'Ecobonus, per incentivare i cittadini a far interventi di schermatura solare nelle proprie case, così da evitare gli sprechi e così da contenere il riscaldamento eccessivo che i raggi solari producono.



Quali tende comprende il bonus?



Il bonus vale quindi per:
  • le tende: tende da sole e da interni, a rullo, per serre, da veranda, plissettate;
  • zanzariere e tende antiinsetto qualora dotate di schermatura solare;
  • persiane, tapparelle, veneziane, frangisole;
  • pergole con tende in tessuto o con lamelle orientabili.


I requisiti per beneficiare del bonus


Per usufruire del bonus, ci sono dei requisiti da seguire:

  • la schermatura solare deve essere applicate a protezione di una superficie vetrata;
  • la schermatura deve essere applicata all’esterno della finestra, al suo interno o integrato in esso;
  • la schermatura deve essere mobile, per cui deve poter essere aperta e chiusa.



Inoltre, per la detrazione delle spese sostenute per le tende, sarà necessario essere dotati della documentazione che certifichi il fattore solare e la capacità di schermatura espressa in Gtot da 0 a 4, dove 4 è il valore più alto. 

Maggiore sarà il valore Gtot, maggiore sarà la schermatura della tenda ai raggi solari.




Conclusioni: chi può beneficiare del bonus e come

A beneficiarne saranno sia le società che le persone fisiche. Potrà accedere al bonus tende il proprietario o il nudo proprietario di un certo immobile e anche colui che gode di un diritto reale sull’immobile (in tal caso si parla di usufrutto). 

Il bonus vale anche per chiunque detenga un immobile in regime di comodato d’uso, per l'inquilino in affitto e per i condomini, quando gli interventi previsti riguardino le parti comuni di un certo stabile.

Molto importante sapere che il limite di spesa massima detraibile con il bonus schermature solari 2018, è fino a 60.000 euro. 


Per poter detrarre le spese, bisognerà richiedere lo sgravio fiscale in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, usufruendo del modello 730/2019. Il contribuente  dovrà anche inviare  online la "Scheda descrittiva dell'intervento" direttamente dal sito web ENEA. L'invio va effettuato entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori.




Photo credit: pexels.com e google images

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione