Una vera rivoluzione della compravendita immobiliare: le PropTechs

Fino a due anni fa non se ne parlava ancora, ma esistevano delle startups immobiliari decise a rivoluzionare il mercato: le PropTechs.

PropTech è un termine collettivo, utilizzato per indicare quelle startups che forniscono prodotti innovativi, tecnologici o dei nuovi modelli per il mercato immobiliare. Si tratta quindi di un termine che definisce una piccola parte di una trasformazione più ampia dell'industria immobiliare, che comprende cambiamenti tecnologici, ma anche cambiamenti di mentalità del settore, dei consumatori e delle attitudini. 

Le PropTechs sono quelle imprese che cercano di migliorare il settore immobiliare, tenendo conto del contesto digitale e dei nuovi modi di acquistare e consumare. Alcuni assi portanti della rivoluzione in atto sono ad esempio la startup immobiliare pure Proptech, quella relativa agli edifici intelligenti Smarthome, quella dell'economica collaborativa Sharing Economy ed infine ConTech impresa di costruzioni tecnologicamente avanzate e FinTech che si occupa di finanza. 

Ad oggi queste società sono valorizzate più di un miliardo di dollari, in quanto stanno rivoluzionando completamente il settore immobiliare, e stanno cambiando il modo di acquisto, di vendita e di vivere gli immobili. 
"Il fenomeno è mondiale e sono oltre 800 le startups immobiliari che hanno raccolto 6 miliardi di dollari in poco più di quattro anni" afferma Laffranchi il fondatore e CEO di Homestate.it (startup italiana di compravendita tra privati). Per capire la portata del fenomeno ci basti pensare che in una sola settimana, alcune delle principali startups, riescono a raccogliere oltre 45 milioni dai venture capitalist.

In Italia vediamo aziende come Airbnb, Walliance, Housers, AgentPricing e Homesstate.it, che hanno susciato grande interesse da parte del pubblico, il quale può potenzialmente essere ancora più ampio se l'affidabilità e la qualità del servizio dovessero essere confermate. 

Vi sono due grandi categorie di startups immobiliari: 


  • quelle d'aiuto ai professionisti, con strumenti supplementari che permettono di migliorare l'offerta e la produttività
  • quelle che cercano di rimpiazzare i professionisti dell'immobiliare. 
L'ultima ad aver suscita clamori è stata l'italiana Homestate.it, piattaforma online che ha digitalizzato il processo di compravendita degli immobili, offrendo un servizio di acquisto e vendita, con una commissione di transazione fissa, invece che una provvigione basata su una percentuale della vendita. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione