Mobili modulari che si alzano al soffitto per piccoli appartamenti

Nel quartiere di East Harlem a Manhattan c'è un nuovo edificio di 230 appartamenti disposti su 11 piani, il cui tratto distintivo è la particolare versatilità degli arredi. 

L'immobile è stato progettato da BIG, Bjarke Ingel Group, con l'aiuto di ex ingegneri di Tesla e Apple, e offre un particolare sistema di ottimizzazione dello spazio, servendosi di mobili modulari e componibili in legno, i quali all'occorrenza vengono sollevati al soffitto con un sistema meccanizzato che funziona mediante controllo vocale. 

Un sistema di questo tipo permette di utilizzare non solo i metri quadrati della casa, ma anche e soprattutto i suoi metri cubi. In questo modo l'arredo modulare consente di ottimizzare lo spazio degli alloggi più piccoli.

Il soffitto è dotato di griglie a forma di alveare in cui vengono posizionati diversi mobili, dal letto agli armadi, a diversi contenitori. Tutti questi arredi sono realizzati in legno e fatti a mano, inoltre, sono dotati di controllo vocale, in questo modo alla sera si può chiedere di abbassare il letto per andare a dormire, per poi alzarlo al mattino e avere più spazio per una seduta di yoga o per ospitare gli amici. 











Photo Credits: NOISE/Pernille & Thomas Loof

Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Uso promiscuo di un immobile: un po' di chiarezza

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus