Revoca cedolare secca

L'opzione cedolare secca può essere revocata dal locatore in una qualsiasi della annualità successive, andando quindi a modificare la tipologia di tassazione, passando quindi da imposta sostitutiva a IRPEF: operazione che deve essere eseguita entro il termine dei trenta giorni, fissato per il versamento dell'imposta di registro. Inoltre, perchè sia possibile la revoca della cedolare, occorre presentare all'Agenzia delle Entrate il modello RLI. Pur non persistendo l'obbligo di comunicare la revoca al conduttore del contratto, è comunque opportuno informarlo mediante raccomandata. 

La cedolare secca è stata introdotta dal D.Lgs 14 marzo 2011 n. 23 e consiste nell'applicare al canone di locazione un'imposta fissa, la quale sostituisce l'Irpef, l'addizionale regionale e comunale, oltre che l'imposta di registro e di bollo, entrambe dovute sui contratti di affitto ad uso abitativo. L'imposta dovuta nella cedolare secca viene determinata mediante l'applicazione di un'aliquota del 21%, mentre per quanto riguarda i contratti a canone concordato l'aliquota viene ridotta al 15%. Con l'opzione cedolare secca, il locatore rinuncia alla possibilità di chiedere l'aggiornamento del canone di locazione, anche se espressamente previsto dal contratto.


L'applicazione della cedolare secca viene riservata al locatore in qualità di persona fisica, titolare del diritto di proprietà, o di altro diritto reale di godimento, sull'immobile oggetto del contratto. La cedolare può essere applicata ai soli contratti di locazione che hanno come oggetto immobili censiti nel catasto dei fabbricati con tipologia abitativa (esclusi gli A10). Il regime può essere applicato anche alle pertinenze locate insieme all'immobile principale. In linea di massima l'opzione vincola il locatore al regime della cedolare secca per tutto il periodo della locazione, con la possibilità di revocarla alla prima scadenza. 

Photo Credits: Pinterest.it




Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione