Acquistare un'abitazione: quanto si paga di imposte

Per l'acquisto di un'abitazione vi sono alcune imposte da pagare. Queste sono differenti nel caso in cui l'acquisto avvenga da privati, oppure nel caso in cui avvenga da imprese di costruzione o ristrutturazione.

Per quanto riguarda la compravendita da un privato occorre versare l'imposta di registro, l'imposta ipotecaria e l'imposta catastale devono essere versate da parte acquirente al notaio, il quale le verserà, anche in questo caso, all'Agenzia delle Entrate.
Nel caso in cui ci si trovasse in assenza di agevolazioni fiscali occorre versare saranno l'imposta di registro (9%), l'imposta ipotecaria (50€), imposta catastale (50€). Le aliquote devono essere applicate sul prezzo di vendita che viene dichiarato nell'atto di acquisto. Nel caso di trasferimento di immobili ad uso abitativo nei confronti di persone fisiche, la parte acquirente può richiedere la liquidazione dell'imposta di registro sul valore catastale dell'immobile, indipendentemente dal prezzo di vendita. L'imposta minima è di 1.000€.
Nel caso in cui si usufruisse dell'Agevolazione Prima Casa, le imposte variano. Avremo quindi un'imposta di registro del 2%, un'imposta ipotecaria di 50€ e un'imposta catastale di 50€. Anche in questo caso le aliquote sono applicate sul prezzo di vendita dichiarato in atto. Nel caso di trasferimento di immobili ad uso abitativo nei confronti di persone fisiche la parte acquirente può chiedere la liquidazione dell'imposta di registro sul valore catastale, indipendentemente dal prezzo di vendita. L'imposta minima ammonta sempre a 1.000€.

Nel caso in cui la compravendita avvenga direttamente dall'impresa, ad eccezione di particolari casi, l'operazione è soggetta ad IVA, la quale viene versata alla società venditrice dell'immobile. Sul prezzo di vendita viene quindi applicata un'aliquota IVA del 10% nel caso in cui non vi sia alcuna Agevolazione Prima Casa, mentre sarà applicata un'aliquota del 4% nel caso in cui ci si trovi in presenza di tale agevolazione. Il medesimo trattamento tributario viene previsto anche nel caso di assegnazione di case ai soci di cooperativa edilizia di abitazione. 
Nel caso di acquisto soggetto ad IVA dovranno essere corrisposte al notaio, il quale poi le verserà all'Agenzia delle Entrate, l'imposta di registro (200€), l'imposta ipotecaria (200€) e l'imposta catastale (200€).


Photo Credits: Pinterest.it





Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione