Sisma bonus anche in caso di locazione


L'agevolazione fiscale "sisma bonus" è valida anche qualora l'immobile venga destinato alla locazione, questo perchè la norma intende favorire la messa in sicurezza degli edifici per garantire l'incolumità delle persone. Il bonus può essere riconosciuto anche per quegli interventi che riguardano immobili di proprietà di società, non utilizzati direttamente ma destinati alla locazione.

Il bonus prevede che per le spese sostenute per lavori antisismici, in particolare per la messa in sicurezza statica, realizzati sulle parti strutturali degli edifici o complessi di edifici collegati strutturalmente, spetta una detrazione pari al 50%, fino ad un ammontare complessivo delle spese non superiore ai 96.000€ per unità immobiliare per ciascun anno. 

La normativa agevolativa, secondo le ultime modifiche, ha esteso i benefici anche agli immobili che sono ubicati in zona sismica 3, ha ridotto a metà il periodo di fruizione della detrazione e ha incluso anche gli immobili residenziali diversi dall'abitazione principale. Inoltre l'Agenzia delle Entrate ricorda i chiarimenti forniti con la circolare 29/2013 relativi alla prima formulazione della norma sull'individuazione delle unità agevolabili: devono essere zone sismiche ad alta pericolosità e adibite ad abitazione principale, ad attività produttive o, secondo la versione aggiornata, anche a fini residenziali. Le unità adibite ad attività produttive sono quelle in cui si svolgono attività agricole, professionali, produttive di beni e servizi, commerciali o non commerciali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione