Consigli per compilare correttamente il verbale di consegna dell'immobile

Il rapporto d'affitto tra locatore (o proprietario dell'immobile) e locatario (inquilino) parte con la firma del contratto di locazione, dove vengono messe nero su bianco tutte le pattuizioni stabilite, come per esempio il canone, il deposito, la durata, ecc..) e finisce con la consegna delle chiavi e la stesura del verbale di consegna, nel quale vengono annotati con precisione gli elementi presenti nell'immobile e il loro stato. 
Solitamente i contratti d'affitto comprendono una clausola generica che riguarda il buono stato dell'immobile dichiarato dall'inquilino., nel momento in cui ha visitato l'immobile.

Ecco quindi i consigli per compilare al meglio il verbale:
1) E' meglio non accontentarsi di un fac simile prestampato e magari usato nel precedente contratto, ma bisogna chiedere sempre una scrittura specifica, con la descrizione dettagliata delle condizioni dell'immobile.
Il verbale infatti non viene consegnato solo nel caso in cui l'immobile sia arredato, ma riporta un elenco dello stato degli impianti, dei pavimenti, dei muri, degli infissi, delle pertinenze come garage, cantina, giardino e, quindi, degli arredi e stoviglie se presenti.
2) Sicuramente sarebbe più opportuno compilare tale elenco direttamente sul luogo, ossia nell'immobile oggetto del contratto, alla presenza di inquilino e proprietario che così si accorderanno sullo stato dei vari elementi: buono, mediocre, scadente.
Il fine principale del verbale sarebbe quello di evitare future contestazioni tra le parti alla riconsegna dell'immobile; vediamone due esempi: 

  •  il proprietario potrebbe attribuire all'inquilino e chieder il risarcimento di alcune macchie sul divano, ma se nel verbale esso era segnalato come macchiato, l'inquino non avrà problemi;
  • l'inquilino non potrà sfuggire dalla colpa di aver rotto la piastrella del bagno, se lui stesso aveva firmato un verbale nel quale chiaramente aveva riportato che le piastrelle del bagno erano in ottimo stato.
3) L'elenco nel verbale dovrebbe essere suddiviso in vari "capitoli", tanti quanti gli elementi presi in considerazione. E per ogni elemento stilare un elenco puntato con le specifiche. Per esempio:


IMPIANTI
1) impianto elettrico_______________________a norma _________________
2) impianto idraulico ______________________a norma _________________
3) impianto di riscaldamento ________________a norma _________________
4) impianto di condizionamento ______________a norma _________________
5) impianto TV ___________________________a norma _________________
4) E' sempre meglio essere accurati e prudenti: oltre allo stato che possiamo definire buono, mediocre, ecc.. è bene puntualizzare con delle note alcune peculiarità.
Inoltre, per la valutazione degli elettrodomestici, se non si è ancora provveduto all'allacciamento delle utenze, si può sospendere il giudizio, per aspettare a provare l'effettivo funzionamento.
5)Completezza d'informazione: riportare in questo verbale più dettagli possibili, se l'immobile viene consegnato tinteggiato o meno, il numero dei locali e dei servizi; il tipo di pavimento, le parti in un comune che si utilizzeranno, le chiavi di cui si prende possesso, un elenco di tutti gli oggetti, se presenti, con descrizione e numero. Sarà sicuramente un lavoro faticoso ma che vi ripagherà per la futura serenità del periodo d'affitto. Si posso anche far foto di dettagli e allegarli al verbale.




Photo Credit: Pinterest & Pixabay.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Locazione parziale: un po' di chiarezza su questo contratto

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione