Come procedere quando si vogliono cambiare le finestre della propria abitazione

I progetti di ristrutturazione possono partire dalla volontà di incrementare la qualità energetica dell'immobile, oppure possono essere legati all'estetica; considerato l'importante ruolo delle finestre tanto nella resa degli interni, quanto nei prospetti esterni, occorre tenere conto di una serie di parametri. 

Innanzitutto occorre decidere se cambiare solo le ante o se rimuovere l'intero telaio. Scegliere di sostituire solo le ante è sicuramente una soluzione rapida e meno onerosa, in quanto non sono necessarie opere murarie. Purtroppo la questione non è così semplice, infatti, rimuovendo le ante e rivestendo il vecchio telaio, si andrà in contro a una spesa minore, ma si otterrà un lavoro non conforme. Con la sostituzione totale è possibile evitare la perdita di luce utilizzando la sede della vecchia finestra e la posa della della nuova finestra, senza l'uso di semplici schiumi e siliconi, utilizzando specifici nastri auto-espandenti e non, consente di eliminare i ponti termici, la formazione di condense e muffe malsane intorno alle nuove finestre. 


Si consiglia quindi di sostituire l'intera finestra, superando il timore delle opere murarie. Va infatti considerato che l'innovazione nell'ambito dei materiali edili viene in aiuto, proponendo tecnologie che sostituiscono i vecchi siliconi e le conseguenti polveri. Per riposizionare il nuovo infisso nella sede del vecchio telaio, basta utilizzare spugne termo-espandenti e sigillanti a base di ms-polimero che assicurano la tenuta termica. Spesso chi cerca di risparmiare installa i nuovi serramenti sopra ai vecchi, un vero e proprio sbaglio in termini di risultato prestazionale ma anche estetico. 

Le finestra sono divisibili per categorie, in funzione dei materiali di cui sono composte. Il materiale può essere deciso in funzione dell'investimento, dello stile del progetto e della performance termica. Uno dei principali motivi per sostituire le finestra è la volontà di incrementare l'isolamento della casa. È fondamentale considerare anche il costo della coibentazione, fra isolamento dei cassonetti e accessori, perché fonte di elevate dispersioni termiche. Quindi risulta necessaria, oltre che una valutazione dei dettagli del prodotto, una verifica sul metodo della posa in opera e sulla qualità dei materiali. 


Per quanto riguarda i vetri, durante la scelta occorre considerare diversi parametri, in grado di garantire comfort termico e acustico. Queste valutazioni devono essere effettuate considerando la posizione della casa e la sua esposizione. Questo permette di eseguire una diversificazione dei vetri da inserire: basso-emissivi per le parti che ricevono meno sole e a controllo solare per le finestre più esposte all'irraggiamento solare. 


Per quanto riguarda la posa è sempre bene affidarsi ad aziende in grado di garantire il rispetto della norma UNI 11673 che definisce le modalità do verifica della corretta posa dei serramenti. Il costo della posa incide in modo sostanziale ma è attraverso una buona installazione che si avranno garanzie sulla resa; nel costo complessivo dell'intervento può incidere del 15/20%, ma vale il 75% del risultato. 


Photo credits: Pinterest

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione