Bonus famiglie 2018: aiuti, sconti e riduzioni bolletta

Oggi vedremo i bonus per le famiglie a basso reddito che riguardano la casa. Vedremo quindi i bonus del 2018, come fare per usufruirne e come presentare la relativa domanda.


Quali sono gli aiuti e gli sconti che si avranno con i bonus?
  • sconti sulle bollette di casa,
  • riduzione e esenzione canone telefonico,
  • riduzione Canone RAI,
  • riduzione tassa sui rifiuti,
  • spese detraibili per l'affitto.
Vediamoli ora nel dettaglio:

- sconti sulle bollette di casa: queste agevolazioni fiscali prevedono una riduzione o sconto in bolletta per le famiglie con reddito ISEE pari a 8.103,5 euro; il reddito non dev'essere superiore a 20.000 euro per le famiglie numerose con più di 3 figli a carico.
I bonus luce e gas sono stati confermati anche per il prossimo anno; questi bonus famiglie, vanno richiesti tramite CAF, il quale effettua invia per via telematica la domanda al distributore che dopo aver verificato il possesso dei requisiti di accesso, conferma tramite specifica comunicazione il riconoscimento del bonus e lo sconto in bolletta per 1 anno. 

- riduzione esenzione canone telefonico: un altro sconto richiedibile dalle famiglie a basso reddito riguarda il canone telefonico Telecom o addirittura la relativa esenzione: con questo bonus l'abbonamento mensile sarà ridotto al 50% per chi ha un reddito familiare non superiore a 6.713,94 € e con una persona a l'interno del nucleo famigliare titolare di pensione di invalidità civile o assegno sociale, oppure, con più di 75 anni. Agevolazione anche per titolari social card: si avrà la riduzione del costo di abbonamento mensile della linea telefonica. 


- Riduzione Canone RAI: dopo l'entrata in vigore del provvedimento che ha portato il canone RAI ad essere addebitato direttamente sulla bolletta della luce, con il nuovo decreto "Mef-Mise canone Rai" è stato modificato il limite di reddito per chi ha più di 75 anni per poter essere esentati dal pagamento. Il nuovo limite di reddito esenzione canone RAI over 75 è di 8.000 euro.

- Riduzione tassa sui rifiuti: per fruire della riduzione o esenzione della TARI (tassa sui rifiuti), bisogna consultare le decisioni prese dalla propria Regione di residenza. Ciascuna, infatti, può decidere se e quando prevedere di bonus, il limite di reddito e la composizione del nucleo familiare. Per cui, per sapere come richiedere lo sconto in bolletta è necessario verificare al CAF e al proprio Comune le modalità di erogazione dell'eventuale agevolazione.

- Spese detraibili d'affitto: è un'agevolazione che consente di detrarre dalla dichiarazione dei redditi con modello 730 o Unico, le spese di locazione dell'abitazione principale. Tale detrazione consiste nel poter scaricare dalle tasse 300 euro per chi ha un reddito complessivo fino a 15.493,71 euro e 150 euro per chi è tra i 15.493,71 euro e 30.987,41 euro.




Photo credit: Pixabay.com


Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione