Bonus Affitti per i giovani: le ultime novità

Con la Legge 234/2021 sono state apportate delle modifiche al Bonus Affitti. In particolare è stata modificata l'agevolazione destinata ai giovani (con 31 anni non ancora compiuti) che hanno lasciato casa dei genitori trasferendo la residenza in un nuovo appartamento. 

Prima della modifica sopra citata, l'agevolazione era destinata ai giovani tra i 20 e i 30 anni, che non superassero un reddito di 15.493,71€ e intestatari di un contratto di locazione in merito alla propria abitazione principale. 

Inoltre, nei primi 3 anni di durata contrattuale era considerata una detrazione pari a 991,60€. Per questo un contratto stipulato nel 2018 poteva usufruire del bonus anche nel biennio 2019/2020. Il requisito anagrafico e quello relativo al reddito devono sussistere in ogni periodo d'imposta per il quale si vuole fruire del beneficio. 

Facendo un esempio, un contratto che viene stipulato nel 2019 che incontra il compimento dei 30 anni nel corso del 2020 sarà comunque oggetto di detrazione per quanto riguarda i primi due anni di imposta, mentre resterà fuori il 2021. 

Le novità previste dalla nuova manovra riguardano lo spostamento dell'età ai 31 anni non compiuti, inoltre, il beneficio sarà applicabile anche nei casi in cui il contratto di locazione riguarderà solamente una parte dell'immobile, come ad esempio l'affitto di una sola stanza. Il periodo del bonus viene, inoltre, prolungato per un anno, coprendo così i primi quattro anni di contatto. Per poter usufruire del bonus è necessario che l'immobile sia la reale residenza del soggetto beneficiante. La detrazione è ora più consistente, pari al valore maggiore tra l'importo forfetario di 991,60€ e il 20% dell'ammontare del canone. 

Photo Credits: Pinterest.it e Google Images

Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Uso promiscuo di un immobile: un po' di chiarezza

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione