Effetti del Covid19: mercato immobiliare di Milano in discesa

Il Covid19 fa sentire i suoi effetti negativi su Milano, specie sul suo mercato immobiliare, il quale ne risente gravemente, in particolare per il ramo delle abitazioni usate e non centrali. Nello specifico si nota una riduzione drastica delle compravendite, da quanto emerge dalle rilevazioni effettuate dall'Agenzia delle Entrate. 

Nel primo trimestre di quest'anno si sono registrati 4.936 contratti di vendita in meno, il che è pari a una riduzione annua del 19,3%, nonostante questo gli esperti si dicono ottimisti, stimando tempi di ripresa abbastanza rapidi. 

Per quanto riguarda la vendita e l'acquisto di immobili nuovi invece, Fimaa Milano, Lodi, Monza e Brianza, riportano performance positive. Probabilmente questo è dovuto al fatto che l'usato, con il lockdown e il confinamento, ha rilevato le sue problematiche, specie se situato in zone non centrali o particolarmente appetibili. La prospettiva è quella di un periodo di 2/3 anni per poter tornare alle cifre prima dell'emergenza sanitaria e ad acquisti finalizzati all'investimento che al momento sono completamente bloccati, mentre prima dell'emergenza equivalevano al 20% del totale. 

In tema di prezzi, si registra una flessione dello 0,4% nell'ultimo semestre, contro l'anno 2019 che si era invece concluso con un +3%. Ora i tempi di permanenza degli immobili sul mercato si stanno allungando superando i 3 mesi.

Photo Credits: Google Images e Pinterest.it

Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.




Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Locazione parziale: un po' di chiarezza su questo contratto

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione