Giugno e il giardino, quali lavori fare?


Giugno è alle porte e la maggior parte dei lavori in giardino sono già stati fatti, ma è importante conoscere quali accortezze avere per curare al meglio lo spazio esterno delle nostre abitazioni.


Il mese di giugno è sicuramente il più colorato in giardino, questo perché la maggior parte delle piante sono in fiore, o hanno già preparato i boccioli, se vogliamo che si mantenga ben curato e rigoglioso è fondamentale garantire il giusto grado di umidità e le giuste dosi di concime. Già nel mese di marzo o di aprile avrete sparso del concime a lenta cessione, o dello stallatico, che nel tempo mantengono costante la qualità di sostanze minerali nel terreno, per tutte le piante che non avete concimato sarà importante invece curarle con fertilizzante mescolato all'acqua delle annaffiature ogni 12/15 giorni.

Per quanto riguarda il prato, tagliatelo con regolarità, in questo periodo dell'anno, infatti, il manto erboso cresce particolarmente rapidamente. Fate attenzione a non tagliarlo raso terra però, piuttosto mantenetevi ad un'altezza di 5 cm, in questo modo il suolo si manterrà più morbido e richiederà un minor numero di irrigazioni, perché si sarà sviluppato un apparato radicale più profondo.

Innaffiate con regolarità tutte le piante ornamentali e assicuratevi che il loro terreno sia sempre umido, in questo periodo infatti hanno bisogno di molta acqua, ma fate molta attenzione che non si creino ristagni d'acqua, in quanto possono portare le radici a marcire. Preferibilmente innaffiate la mattina presto o alla sera.

Controllate che le piante non siano infestate da parassiti o da malattie, è infatti questo il periodo in cui sono maggiormente esposte a tali attacchi. Ricordate però che la maggior parte delle volte le patologie si insediano a causa di un'errata coltivazione, un'esposizione sbagliata, un ristagno di umidità, o la presenza di esemplari malati nelle vicinanze. Questi ostacoli devono essere rimossi per risolvere il problema, altrimenti il solo utilizzo di prodotti per trattare la pianta sarà inutile. Una buona coltivazione può fare un'enorme differenza.

Giugno è il mese giusto anche per effettuare delle cimature e delle pacciamature dove occorre nel terreno per rimpolpare le zone di erba più diradate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione