I nuovi coefficienti per la determinazione dei diritti di usufrutto

In data 11 dicembre 2014 il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha emanato un Decreto, pubblicato sulla G.U. n. 290 del 15/12/2014, di modifica del saggio di interesse legale.

Sulla base di questo provvedimento, dall'01/01/2015 il nuovo tasso di interesse legale sarà pari allo 0,5%. 

La modifica ha comportato anche la revisione dei coefficienti usati per il calcolo del valore dell'USUFRUTTO rispetto alla piena proprietà di un bene.

Per calcolare il valore dell'usufrutto a vita si applica il tasso legale d'interesse al valore della piena proprietà e si moltiplica il risultato per il coefficiente relativo all'età del beneficiario.

Il valore della nuda proprietà è invece costituito dalla differenza fra il valore della piena proprietà e il valore dell'usufrutto. 

Per determinare il valore dell'usufrutto: 
1.Moltiplicare il valore della piena proprietà del bene per l'interesse legale (0,50% dal 1 gennaio 2015).
2.Al valore così ottenuto, applicare il coefficiente indicato nel prospetto e corrispondente all'età del beneficiario.

Esempio:
1.Valore della piena proprietà dell'immobile (es. 100.000 euro)
2.Tasso di interesse legale: 0,50%
3.Età del beneficiario dell'usufrutto (es. 50 anni: coefficiente corrispondente 150)

Rendita annua A x B = C (es. € 100.000 x 0,50% = 500)
Valore dell'usufrutto C x D = E (es. 500 X 150 = € 75.000)
Valore della nuda proprietà A - E (es. € 100.000 - € 75.000 = € 25.000)

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione