Tasse anche sui canoni non percepiti

 
Le regole sulla tassazione dei redditi da fabbricati sono dettate dall’articolo del 26 Tuir secondo il quale “I redditi fondiari concorrono, indipendentemente dalla percezione, a formare il reddito complessivo dei soggetti che possiedono gli immobili."
La disposizione prevede, tuttavia, che dal momento della conclusione del procedimento giurisdizionale di convalida di sfratto per morosità del conduttore è possibile non dichiarare al Fisco i canoni di locazione pattuiti e non corrisposti.
In pratica, se entro il termine di presentazione di presentazione della dichiarazione dei redditi si è concluso tale procedimento, l’immobile concorrerà alla formazione del reddito complessivo esclusivamente in base alla rendita catastale rivalutata.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione