L'Ivie da pagare anche per il 2011

Questa nuova imposta, Ivie cioè Imposta sul valore degli immobili situati all'estero, sarà da pagare anche per il periodo d'imposta 2011.
L'imposta patrimoniale istituita con la legge di conversione n.214/2011 del DL 201/2011 è applicata sugli immobili situati all'estero, di qualunque natura e destinazione.
Essa sarà pagata per i dodicesimi di effettivo possesso, tenuto conto che il mese in cui il possesso si è protratto per più di 15 giorni viene conteggiato per intero.
L'Ivie,pertanto, sarà dovuta anche dai proprietari di diritto di proprietà o altro diritto reale, che nel corso dell'anno 2011 abbiano venduto l'immobile: l'imposta sarà calcolata proporzionalmente al periodo di competenza.
Nota significativa: la persona fisica titolare del diritto di proprietà deve avere residenza in Italia e non necessariamente avere la cittadinanza italiana.


Commenti

  1. Segnalo una pagina facebook chiamata NO IVIE, nata per informare su questa nuova imposta e contrastarla in quanto anticostituzionale e probabilmente in contrasto con alcuni principi dell'UE. La pagina viene aggiornata giornalmente con rimandi agli articoli sull'argomento e funge da punto di contatto per tutti quelli che, come noi, ritengono questa imposta iniqua.
    http://www.facebook.com/pages/NO-IVIE/132804770174580

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per la segnalazione. I dubbi e le discussioni sulla nuova imposta sono tanti. Oltre al calcolo del valore imponibile da calcolarsi sull'atto di acquisto, rimane anche il problema del calcolo del valore di mercato in caso di mancanza dell'atto di acquisto.
    Dubbi legittimi che mettono in discussione la legittimità dell'imposta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione