Domicilio digitale: cos'è?


Tra le novità del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale, entrato da poco in vigore, c'è il domicilio digitale legato ad un indirizzo di PEC o ad un indirizzo di recapito certificato, grazie al quale le PA e gli esercenti di pubblica utilità, potranno comunicare direttamente con il cittadino.
Al fine di utilizzare il domicilio online, i cittadini, dovranno dichiarare alla Pubblica Amministrazione, tramite il proprio Comune di residenza, l'indirizzo PEC.
Il loro domicilio digitale sarà, successivamente,  inserito nella nuova Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente  (ANPR) e sarà reso disponibile a tutte le pubbliche amministrazioni e ai gestori di pubblici servizi, al fine di comunicare con il cittadino esclusivamente tramite email.




Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione