Ecobonus 2018: le novità

L'Ecobonus, tramite il quale si può usufruire di una detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, prevede delle novità: il governo vorrebbe legare la percentuale di detrazione agli obiettivi di risparmio energetico dei singoli interventi. In sostanza, più un intervento riduce l'impatto ambientale di un immobile maggiore sarà l'incentivo economico che riceverà.


Sembra quasi certo che la proroga dell'Ecobonus ridurrà l'importo della detrazione per gli interventi più piccoli e per gli interventi sui condomini, in vigore fino al 2021 con una detrazione del 75%.
Con l'ultima legge di bilancio le detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica sono stati prorogati fino al 31 dicembre 2017, nello specifico per la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, il miglioramento termico dell'edificio, l'installazione di pannelli solari e la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
La detrazione è stata inoltre estesa anche alle spese effettuate tra il 1 gennaio 2016 e il 31 dicembre 2017 per l'acquisto, l'installazione e la messa in opera di dispositivi per il controllo remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda, climatizzazione delle unità abitative, con lo scopo di aumentare la consapevolezza dei consumi di energia da parte degli utenti e in modo da garantire un funzionamento più efficiente degli impianti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione