La cedolare secca per gli affitti concordati passa dal 19% al 15%


Il decreto legge varato mercoledì 28 agosto dal Governo ha portato l'aliquota della cedolare secca dal 19% al 15%.
Si tratta di una manovra volta a rendere più conveniente questo canale, rispetto ai contratti a canone libero.
La nuova disposizione normativa trova applicazione già a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2013.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione