Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2020

Tendenze: edilizia green e circular economy

Immagine
Secondo una ricerca svolta dal World Green Building Council pubblicata da Recycling Magazine oltre l'80% delle aziende facenti parte del settore edilizio punteranno sulla circular economy. Questo come risposta ai gravi danni causati nel settore dall'emergenza sanitaria, la quale, oltre agli aspetti negativi, ha portato un clima di crescita e la voglia di aprirsi a nuove sperimentazioni per soddisfare nuove esigenze. 
I principali trend delle costruzioni post-Covid saranno, secondo Novello, CEO di Chryso Italia, porranno maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale e al riuso. Occorre sottolineare, inoltre, che la circular economy garantisce un sistema di raccolta differenziata totale e promuove nuove opportunità commerciali.
Vediamo quindi un numero sempre maggiore di imprese del settore edilizio focalizzarsi sulla circular economy, ossia un'economia basata sul riutilizzo e il riciclo di risorse e materiali
Edifici "green", i quali incrementano la produttività …

Blocco degli sfratti per tutto il 2020, che cosa comporta?

Immagine
Il Decreto Rilancio, che è stato convertito in legge, ha esteso ufficialmente il blocco degli sfratti per tutto l'anno 2020. Quindi, fino al 31 dicembre 2020, viene mantenuta la misura che aiuta gli inquilini in difficoltà.
Il blocco era già stato introdotto con il Decreto Cura Italia e la sua scadenza era fissata per il 31 agosto, la quale è stata poi prorogata al 31 dicembre. Quindi viene allungato il periodo durante il quale non possono essere messe in atto le procedure di sfratto per morosità o per fine locazione.
Confedilizia aveva già espresso le proprie rimostranze in merito a questa decisione, considerandola una misura con effetti depressivi inestimabili sul mercato immobiliare. Il blocco, infatti, non riguarda solamente le locazioni residenziali, ma anche le locazioni relative a proprietà con uso diverso dall'abitativo come, ad esempio, negozi, alberghi e tanti altri esercizi commerciali. Il blocco degli sfratti avviene in automatico, non occorre infatti nessuna istanza…

Rinegoziazione canone di locazione: occorre pagare la registrazione?

Immagine
Fisco Oggi ha risposto a un quesito di un contribuente in merito al pagamento della registrazione della rinegoziazione del canone di locazione. 
Nel caso in cui conduttore e locatore disponessero esclusivamente di una riduzione del canone di un contratto di locazione che risulta ancora in essere, non occorre pagare alcuna imposta di registro e di bollo per la registrazione del suddetto atto. Inoltre, tale condizione è valida anche nel caso in cui la variazione del canone fosse concordata per il solo periodo di un anno.
Qualora, dopo la registrazione del contratto che prevede una prima variazione del canone per l'intera durata del contratto, il canone venisse nuovamente riportato all'importo iniziale, il nuovo atto da registrare è soggetto a tassazione. 
Occorre ricordare che fino al 31 agosto 2020 l'atto di variazione del canone sia tramite modello RLI che tramite modello 69. Dal 1° settembre 2020 invece la registrazione della rinegoziazione di canone potrà essere comunicata …

Contributi a fondo perduto: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Immagine
L'Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti in merito all'articolo 25 del Decreto Rilancio. 
Nella circolare n. 22/E viene specificato che fino al 13 agosto le imprese, le partite Iva e i titolari di reddito agrario, possono presentare domanda all'Agenzia per il contributo a fondo perduto a patto che siano in attività alla data di presentazione dell'istanza per l'ottenimento del bonus. 
Per l'ottenimento del bonus occorre aver conseguito nel 2019 un ammontare di ricavi e compensi inferiore o pari ai 5 milioni di Euro. Per tutte le società il cui esercizio non coincide con l'anno solare si deve fare riferimento al periodo di imposta precedente a quello in corso al 19 maggio 2020, ovvero la data in cui il Decreto Rilancio è entrato in vigore. 
Oltre all'ammontare massimo di 5 milioni di Euro dei ricavi e compensi, le attività devono soddisfare almeno uno di questi tre requisiti per ottenere il contributo: un ammontare del fatturato e dei corrispettivi…

Decadenza delle agevolazioni prima casa e causa di forza maggiore

Immagine
La Cassazione, con l'ordinanza n.10719, si è espressa circa la decadenza delle agevolazioni prima casa a causa di forza maggiore. 
Se un immobile è stato acquistato usufruendo delle agevolazioni prima case e la residenza non è stata trasferita nel Comune in cui l'immobile è abitato entro e non oltre i 18 mesi dall'acquisto, il bonus viene perso, anche nei casi in cui il trasferimento di residenza tardivo fosse dovuto al mancato rilascio della suddetta casa da parte dell'inquilino o per il prolungarsi dei lavori di ristrutturazione. Questo perché il trasferimento della residenza oltre i termini viene giustificato solo in caso di motivi inevitabili ed eccezionali.
Il caso in esame vedeva due contribuenti acquistare un immobile con le agevolazioni prima casa e non trasferire la residenza nei termini previsti in quanto l'inquilino non aveva rilasciato l'immobile, per questo motivo i lavori di ristrutturazione si erano protratti oltre i 18 mesi e quindi l'ente loc…

Polizze antisismiche: rientrano nel Superbonus al 110%?

Immagine
Con il Decreto Rilancio diventano detraibili le polizze assicurative nei confronti di calamità naturali; dal 16 luglio è infatti possibile usufruire di uno sconto fiscale, pari al 90% del premio pagato per polizze assicurative che coprono i disastri naturali, all'interno del Superbonus al 110%. 

Il Superbonus riguarda infatti l'efficientamento energetico, ma anche gli interventi antisismici. Le spese che possono essere detratte devono essere state sostenute dai contribuenti nel periodo che va dal 1 luglio 2020 fino al 31 dicembre 2021 per interventi su edifici che siano in zone con rischio sismico 1, 2 e 3.

Sono quindi detraibili interventi come la messa in sicurezza di edifici in zone sismiche, comprese le seconde casa, già sgravate del 50% ma che rientrano nel bonus 110%. Per poter applicare la detrazione occorrerà previa verifica dell'efficacia degli interventi da parte di un professionista.

Per quanto riguarda il metodo di fruizione della detrazione è possibile decidere s…

Confedilizia e le critiche ai provvedimenti del Decreto Rilancio

Immagine
Confedilizia, la Confederazione Italiana Proprietà Edilizia, muove alcune critiche al Decreto Rilancio e nello specifico si concentra su 4 provvedimenti che avrebbero bisogno di alcune modifiche. 

Innanzitutto il tanto discusso Superbonus al 110%, che è nato per incentivare gli interventi che riguardano l'efficientamento energetico e il miglioramento delle misure anti sismiche, si rivela uno strumento utilissimo se prolungato di almeno un anno. Due modifiche introdotte in Parlamento però imbrigliano il Superbonus: l'eliminazione della possibilità di trasformare la detrazione in credito di imposta usufruibile dal beneficiario della detrazione stessa e l'esclusione di alcune abitazioni che vengono impropriamente ritenute di lusso. 

Il credito di imposta per gli affitti non abitativi viene valutata positivamente da Confedilizia in quanto risponde al principio secondo cui per poter salvare un'attività economica occorre tutelare il rapporto di locazione sottostante. Bisognere…

Chiarimenti dall'AdE in merito al 730 per CAF e intermediari

Immagine
L'Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla scadenza del 730 per l'anno 2020. La scadenza del 730 è stata spostata al 30 di settembre, con conseguente cambiamento delle tempistiche per quanto riguarda i conguagli e i rimborsi Irpef.

La richiesta di chiarimenti è stata avanzata dalla Consulta Nazionale dei Caf, la quale si è vista stravolgere routine e scadenze.

Da quest'anno si apre la possibilità per gli eredi di presentare il modello 730 per contro del contribuente deceduto. L'Agenzia però, in questo caso, non mette a disposizione i dati della dichiarazione precompilata, per questo motivo la Consulta Nazionale dei CAF chiede se sia inutile che venga acquisita la delega di accesso alla dichiarazione precompilata la quale autorizza o nega l'autorizzazione al CAF per il prelievo. 

L'Agenzia chiarisce che nel caso in cui l'erede presenti il 730 per contro del contribuente deceduto, il CAF non è obbligato ad acquisire la delega di accesso…

Comodato gratuito: dovuto pagamento Imu e Irpef?

Immagine
Un contribuente ha domandato agli esperti di FiscoOggi, la rubrica dell'Agenzia delle Entrate, se nel caso in cui una casa fosse concessa in comodato d'uso gratuito ai famigliari e fosse ubicata in un Comune diverso dovesse versare la quota Imu e anche l'Irpef. 

In risposta al contribuente, FiscoOggi risponde che l'Imu sostituisce l'Irpef e le relative addizionali dovute in merito ai redditi degli immobili non affittati, compresi quelli concessi in uso in comodato gratuito.

Nel caso in cui un immobile fosse concesso a un parente in comodato d'uso gratuito occorre comunque che il proprietario dell'immobile indichi nel quadro B del modello 730, o nel quadro RB del modello Redditi Persone Fisiche, nell'apposito spazio (colonna 2 -utilizzo) il codice 10, ossia abitazione o pertinenza data in uso gratuito a un parente che vi abiti abitualmente e che tale situazione risulti dall'iscrizione anagrafica. Inserendo il codice non saranno quindi dovute Irpef e ad…

Detrazione fiscale 2020, sì all'installazione impianti antifurto

Immagine
L'installazione di impianti di allarme e antifurto rientrano negli interventi per i quali è possibile beneficiare della detrazione fiscale. Nello specifico si ha diritto a una detrazione del 50% delle spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. 

In questi interventi rientrano l'installazione di allarmi e sistemi antifurto, ma anche l'installazione di sistemi di videosorveglianza digitale. Rientrano nell'agevolazione solamente gli interventi realizzati sugli immobili, mentre non è possibile usufruire del bonus per le spese sostenute in merito a contratti stipulati con istituti di vigilanza. 

Occorre sottolineare che questi interventi non danno diritto anche alla detrazione per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, tranne nel caso in cui determinati interventi con caratteristiche particolari non possano essere considerati interventi edilizi di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, ris…

Credito imposta affitto non abitativo: via libera dal 13 luglio

Immagine
Dal 13 luglio sarà possibile utilizzare l'opzione per la cessione del credito di imposta, grazie al bonus affitto botteghe e negozi e quello per la locazione di immobili non abitativi e affitto d'azienda. La cessione sarà possibile mediante comunicazione via web.

L'Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti in merito alla possibilità di cedere il credito di imposta previsto dal Decreto Rilancio per far fronte all'emergenza sanitaria.

Per chiedere la cessione occorre compilare il modello messo a disposizione, a partire dal 13 di luglio fino al 31 dicembre 2021, che dovrà essere inviato in modalità telematica tramite l'area riservata del sito dell'Agenzia. La comunicazione di cessione può avvenire anche mediante intermediario abilitato. 

Nel modello dovranno essere inseriti dati come i codici fiscali del cedente e dei cessionari, la tipologia del credito d'imposto ceduto, l'ammontare del credito maturato e della quota ceduta, specificando quanto viene…

Agevolazioni prima casa, più tempo per vendere

Immagine
L'Agenzia delle Entrate risponde a un contribuente in merito all'acquisto di una nuova abitazione e alle agevolazioni prima a casa per chi non è ancora riuscito a vendere quella precedente. 

Infatti, l'emergenza sanitaria ha sicuramente allungato i tempi delle compravendite immobiliari, e, per tale ragione, i contribuenti che hanno acquistato con le agevolazioni "prima casa" avranno a disposizione più tempo per poter completare gli adempimenti e non perdere il beneficio.

L'articolo 24 del Decreto Legge 23/2020 ha sospeso i termini previsti dalla normativa agevolazioni "prima casa", per tutto il periodo che va dal 23 febbraio al 31 dicembre 2020. 

La medesima sospensione è valida anche per il termine dei 18 mesi dall'acquisto della prima casa entro il quale il contribuente deve trasferire la residenza nel comune in cui si trova l'abitazione. I termini riprenderanno a partire dal 1° gennaio 2021.


Photo Credits: Google Images e Pinterest.it


Visita h…

Ultime modifiche al Superbonus 110% nel Decreto Rilancio

Immagine
Con l'approvazione della Commissione Bilancio sono state apportate alcune modifiche al superbonus al 110% nel Decreto Rilancio.

Innanzitutto, come avevamo visto in questo post, il bonus è stato esteso anche alle seconde case, fatta eccezione per gli immobili con categorie catastali A1, A8 e A9, ossia abitazioni di tipo signorile, le abitazione in ville e i castelli.

Per quanto concerne i massimali di spesa, questi equivalgono a 50.000€ per le unità immobiliari unifamiliari, 40.000€ per i condomini con un massimo di 8 unità immobiliari e 30.000€ per i condomini che hanno più di 8 unità. Per quanto riguarda gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti centralizzati a condensazione viene previsto un limite di spesa massimo equivalente a 20.000€ che deve essere moltiplicato per il numero di unità dalle quali è composto il condominio per i condomini con un massimo di 8 unità, mentre per quelli con un numero maggiore di unità il tetto di spesa massi…

Bonus vacanze: l'Agenzia delle Entrate spiega come funziona

Immagine
L'Agenzia delle Entrate, con la circolare 18/E, spiega come funziona il bonus vacanze.

Innanzitutto la domanda per richiedere il buono, deve essere inoltrata mediante l'App Io, tramite questa sarà possibile verificare se il richiedente ha tutti i requisiti necessari per poter usufruire del bonus. Qualora la richiesta fosse ritenuta valida sarà comunicato l'importo massimo dell'agevolazione e l'elenco dei componenti del nucleo famigliare che potranno usufruirne. 

La circolare dell'Agenzia fornisce spiegazioni in merito all'individuazione delle strutture ricettive che accettano il bonus vacanze. Queste strutture sono quindi: alberghi, hotel, pensioni, motel, aparthotel, bed&breakfast, resort, villaggi, case e appartamenti vacanze, ostelli, rifugi di montagna, chalet, colonie, residence e cottage.

Per quanto riguarda le prestazioni che provengono da differenti fornitori, il bonus vacanze non può essere utilizzato. Ad esempio, durante il soggiorno presso una s…

La Rubrica di Valeria: antiparassitari fai da te per la cura delle piante

Immagine
Siete alla ricerca di pesticidi naturali e non nocivi, ma che allo stesso tempo siano efficaci antiparassitari per i vostri ortaggi? Ecco il post che fa per voi, dove troverete consigli utili per pesticidi fai da te. 

Innanzitutto utilizzare antiparassitari di origine naturale consente di salvaguardare gli insetti utili, come api e coccinelle, oltre che preservare la salubrità dell'ambiente. Occorre però ricordare che gli antiparassitari naturali svolgono un'azione preventiva, per questo motivo occorre tenere monitorare le proprie piante e agire con frequenza. 

L'aglio è sicuramente uno fra i primi rimedi naturali che tengono alla larga gli afidi dalle nostre piante: basterà piantarne degli spicchi nel terreno, intorno alle piante da proteggere. Il vostro aglio sta germogliando? Ancora meglio, piantate gli spicchi nel terreno a circa 5 centimetri di profondità, con il germoglio rivolto verso l'alto: l'odore emanato terrà lontano i parassiti sia dalla pianta che dal t…

Pagamento IMU con addebito sul conto corrente: sconto fino al 20%

Immagine
Nel Decreto Rilancio vi è una bella novità che riguarda il pagamento dell'IMU. La Commissione Bilancio ha approvato infatti la possibilità di introdurre, a discrezione dei singoli Comuni, un bonus, qualora i contribuenti versino gli importi dovuti mediante domiciliazione bancaria. In poche parole vi è la possibilità che venga premiato chi paga tramite addebito in conto corrente.

Nello specifico, scegliendo questo metodo di pagamento, si può arrivare a beneficiare sino a uno sconto massimo del 20%, il quale viene applicato sulle aliquote e le tariffe delle entrate tributarie e patrimoniali, come l'IMU per l'appunto; l'applicazione di tale sconto resta però a discrezione dei Comuni.

Sono esenti dal pagamento dell'IMU gli immobili adibiti ad abitazione principale, che abbiano categoria catastale dall'A2 all'A7, mentre restano esclusi gli immobili con categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Il termine entro il quale pagare l'acconto dell'IMU è scaduto lo scors…

Riduzione del canone di locazione: registrazione online

Immagine
A causa dell'emergenza Coronavirus, si cerca sempre con più frequenza di utilizzare servizi online e telematici, anche per la registrazione dei contratti.

Anche per quanto riguarda le riduzioni di canone, è possibile registrare la variazione in modo telematico grazie alla piattaforma dell'Agenzia delle Entrate, senza che sia necessario recarsi fisicamente presso l'ufficio territoriale. 

Il modello RLI e i relativi applicativi software sono stati implementati in modo di sopperire alle esigenze dei contribuenti in questo periodo di emergenza sanitaria. Inoltre la scelta deriva anche dal voler far fronte alla richiesta sempre maggiore di variazioni dei canoni.

L'atto per la riduzione del canone è esente dal pagamento del bollo e dell'imposta di registro, mentre per quanto riguarda i casi di aumento del canone (poco frequenti in questo periodo) sono dovuti e vendono calcolati in autoliquidazione dai software, insieme a interessi e sanzioni. Per chi registra online, le som…

Emergenza Coronavirus e studenti fuori sede: a chi spetta il rimborso?

Immagine
In arrivo una bella novità per quegli studenti fuori sede che hanno pagato il canone di locazione anche durante il periodo di lockdown.

Un emendamento del Decreto Rilancio, votato sia dalla maggioranza che dall'opposizione, infatti ha introdotto un fondo atto a finanziare il rimborso dei canoni relativi ai mesi della chiusura, in cui gli studenti sono stati obbligati a casa, senza poter sostenere gli esami e/o frequentare le lezioni. 

La Commissione Bilancio della Camera ha approvato l'emendamento che il deputato Luigi Iovino (MS5) aveva proposto per aiutare quegli universitari fuori sede che, pur essendo tornati dalle famiglie data la chiusura degli atenei, hanno continuato a versare il canone per la locazione della casa.

Al momento non è ancora possibile richiedere il rimborso, inoltre devono ancora essere rese note le mensilità per cui è possibile richiederlo. Per ora è noto il fatto che possono richiedere il rimborso gli studenti fuori sede con un Isee al di sotto dei 15.000€…