Arriva la "marca servizi"

Dal 1° gennaio 2018 sarà disponibile la nuova "marca servizi", una nuova marca da bollo da utilizzare per tutta quella modulistica riguardante il Catasto e per pagare i tributi speciali catastali e le tasse ipotecarie. Quindi per i tributi relativi alle operazioni di visura, ispezione, rilascio di copie e certificazioni, volture catastali. 

La marca da bollo è già disponibile presso le rivendite di generi di monopolio e valori bollati e funziona allo stesso modo delle comuni marche da bollo. Andrà apposta sui modelli di richiesta presentati, i cui fac-simile sono disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate.

Inoltre tra le novità lanciate dall'Agenzia delle Entrate, c'è anche l'introduzione di metodi di pagamento alternativi ai contanti, con la possibilità di utilizzare carte prepagate o di debito. In via transitoria fino alla fine del 2017 sarà ancora possibile utilizzare il denaro contante e i titoli al portatore, mentre dal 2018 vi saranno solo i pagamenti elettronici.
La digitalizzazione della documentazione ipotecaria e catastale ha permesso di erogare, oltre il 90% dei servizi relativi sia alla consultazione che agli adempimenti via web. Le visure online sono state 48 milioni, mentre le ispezioni ipotecarie telematiche 44,3 milioni. Anche il numero di domande di volture richieste in forma cartacea è destinato a diminuire, questo grazie all'uso obbligatorio, a partire dal prossimo anno, del modello unico di successione online. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione