Home staging: l'arte di mettere in mostra il proprio immobile



Mai termine inglese è risultato più appropriato per indicare l'insieme delle tecniche utilizzate per commercializzare e presentare al meglio un immobile.
Il primo agente immobiliare ad utilizzare l'home staging fu Barb Schwarz, negli anni '70, donna intraprendente e lungimirante.
Barb  intuì che i clienti avevano bisogno di vedere l'immobile già arredato oppure, in alcuni casi, già ristrutturato.



Solo il 10% delle persone è, infatti, in grado di immaginare un locale diversamente da come si presenta. Per la vendita degli immobili ciò significa che il 90% dei potenziali acquirenti non è in grado di immaginare un immobile senza i complementi d'arredo e gli oggetti decorativi dell'attuale possessore. 

Barb entrò nel mondo dell’immobiliare come agente in Bellevue nel 1972 e molto presto capì la necessità di preparare le proprietà alla vendita al fine di conseguire il valore appropriato. La sua precedente esperienza nella musica e nel teatro le diede l’idea di creare una “scenografia” che incontrasse al meglio le esigenze dei potenziali acquirenti. Nessuno nel mercato immobiliare aveva mai pensato fosse possibile prima di allora !
Questo è il motivo per il quale ha denominato  “Home Staging” questa nuova tecnica: ogni stanza per Barb era  un “palcoscenico”.




Come nel teatro, l'home staging si basa sul riciclo e riuso di vecchi mobili, di materiali e di complementi di arredo, rivisitati al fine di creare ambienti ad alto impatto emotivo e visivo ma
realizzati con costi contenuti. Lo strumento principale utilizzato è il colore, con il quale l'home stager può rinnovare interi ambienti o solo alcune pareti, modulando visivamente la volumetria.

Vecchi mobili possono assumere nuova vita grazie alla tecnica della  laccatura, alcune stanze cambiano aspetto solo spostando o togliendo alcuni mobili ed aggiungendo, cuscini, tende o qualche piccolo dettaglio.

L'home staging oggi è diventato uno standard del marketing immobiliare,  utilizzato da quasi tutti gli operatori americani del settore che hanno adottato questo servizio di consulenza come parte integrante ed irrinunciabile del loro business, in modo da poter sviluppare preliminarmente alla messa sul mercato dell’immobile, in maniera strategica e al meglio, tutte le opportunità per la felice conclusione della transazione immobiliare.










Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione