Denuncia dei redditi: come detrarre il costo dell'affitto

Tra le spese che i contribuenti possono portare in detrazione nella denuncia dei redditi ci sono quelle sostenute per l'affitto dell'abitazione principale.
I soggetti interessati dovranno inserire i dati della locazione, degli inquilini e la tipologia contrattuale.

Vediamo nel dettaglio quante spese sono detraibili:
inquilini a basso redditto

  • detrazione irpef di 300 euro per redditi non superiori a 15.493, 71 euro
  • detrazione irpef di 150 euro per redditi superiori a 15.493, 71 euro, ma inferiori a 30.987,41 euro
lavoratore dipendente che trasferisce la sua residenza per motivi di lavoro

  • detrazione di 991,60 per redditi inferiori a 15.493, 71 euro
  • detrazione di 495, 80 euro per redditi superiori a 15.493, 71 euro, ma inferiori a 30.987,41 euro

giovani tra 20 e 30 anni

  • detrazione di 961,60 euro per redditi complessivi fino a 14,493, 70 euro

inquilini di alloggi sociali (per il periodo d'imposta dal 2014 al 2016)

  • detrazione pari a 900 euro per redditi complessivi non superiori a 15.493, 71 euro
  • detrazione pari a 450 euro per redditi superiori a 15.493, 71 euro, ma non a 30.987,47 euro

studenti universitari fuori sede

  • detrazione irpef del 19% su un importo non superiore a 2.633 euro

contratti a canone convenzionato

  • detrazione di 495,80 euro per redditi non superiori a 15.493,71 euro
  • detrazione di 247,90 euro per redditi superiori a 15.493, 71 euro, ma non a 30.987, 41 euro

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Riqualifica del sottotetto, quando è possibile sfruttare l'Ecobonus

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione