Pagare l'affitto con la carta di credito? Si può e conviene!

A partire da settembre commercianti e piccole imprese, con un giro di affari inferiore ai 400.000€, possono iniziare a chiedere il credito di imposta del 30% sulle commissioni di acquisto. Questa novità è stata introdotta dal Governo lo scorso 1 luglio. 

Il credito di imposta viene previsto come un incentivo in merito ai pagamenti tracciabili per transazioni che superano i 2.000€. L'operazione riguarda anche il pagamento di affitti tramite Pos. 

Quindi se, al di sotto dei 2.000€ è possibile saldare le proprie rate dell'affitto, al di sopra è obbligatorio utilizzare un sistema tracciabile, come il classico assegno o bonifico, ma anche con carta di credito o bancomat. 

Il vantaggio per il proprietario di casa che riscuote l'affitto è quello di avere il credito di imposta del 30% sulle commissioni, mentre il vantaggio per l'affittuario è quello della detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi, a patto che vi sia un contratto di affitto registrato e di utilizzo della casa come abitazione principale. Possono essere detratti solamente quei contratti di affitto a canone libero o convenzionale, che siano stati stipulati da soggetti tra i 20 e i 30 anni di età, per alloggi sociali o per trasferimento dovuto a motivi di lavoro. Si tratta di detrazioni che non sono cumulabili tra loro, ma tra le quali ogni contribuente può scegliere secondo il vantaggio che fa maggiormente al caso suo. 

Photo Credits: Google Images e Pinterest.it

Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.


Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Locazione parziale: un po' di chiarezza su questo contratto

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione