Valore patrimonio immobiliare italiano

L'analisi statistica eseguita dal Dipartimento delle finanze e dall'Agenzia delle Entrate in collaborazione con Sogei, partner tecnologico, riguarda il report del patrimonio immobiliare italiano. 

Questa analisi si basa sull'elaborazione di dati che sono stati rilevati nel 2016, raccolti mediante il Catasto Edilizio, l'Omi, le dichiarazioni dei redditi, i versamenti di Tasi e Imu e delle imposte di registro.

Lo studio mette in evidenza il fatto che il 75,2% delle famiglie (quindi 3 famiglie su 4), risiede in una casa di proprietà. Inoltre le regioni italiane con le abitazioni di metratura più ridotta si concentra in Valle D'Aosta e in Liguria, mentre le abitazioni più grandi sono in Veneto, Friuli Venezia Giulia e Umbria.

L'analisi poi si concentra sulle grandi città. Nello specifico i risultati mostrano che nella capitale, la superficie media di un'abitazione si aggira intorno ai 103 mq, con un valore medio di circa 323.000€ ossia 3.150€ al mq. Nelle zone più centrali il valore supera i 740.000€. Di queste abitazioni il 71% viene adibito ad abitazione principale, il 14% è destinato alla locazione e il 2,5% è concesso in comodato. 

Per quanto riguarda le città di Milano e Napoli invece, gli immobili locati sono più del 19%, mentre si abbassa la percentuale di case adibite ad abitazione principale: 66,1% a Milano e 58,9% a Napoli. A Milano il valore complessivo delle abitazioni si aggira intorno a 207,4 miliardi di €, con una superficie media di 88 mq e un valore medio di 261.000€ (quindi 2.960€ al mq). Il valore complessivo delle abitazioni a Napoli invece è pari a 104,5 miliardi di €, con una superficie media di 102 mq e un valore medio di 239.000€ (ossia 2.353€ al mq).

Photo Credits: Pinterest.it



Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Locazione parziale: un po' di chiarezza su questo contratto

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione