Post

Visualizzazione dei post da 2020

Sostituzione della caldaia e SuperBonus al 110%

Immagine
Per la sostituzione della caldaia, è possibile beneficiare del SuperBonus al 110%?  L'Agenzia delle Entrate fornisce la sua risposta (n.600), spiegando che la sostituzione della caldaia rientra negli interventi per i quali si può usufruire del bonus, siccome gli interventi previsti rientrano tra i trainanti e i trainati. L'Agenzia ha sottolineato che nel caso specifico, preso in esame nel quesito, in cui viene sostituita una caldaia a gasolio che è adibita a riscaldamento dell'abitazione e alla produzione di acqua calda sanitaria, con uno scaldabagno a pompa di calore per la produzione di acqua calda e una termostufa a pellet per il riscaldamento dell'abitazione, è possibile usufruire del SuperBonus. Questo è possibile in quanto lo scaldabagno a pompa di calore, per la produzione di acqua calda sanitaria, fa parte degli interventi trainanti, mentre la termostufa a pellet in qualità di generatore di calore alimentato a biomassa combustibile fa parte degli interventi di e

Trasloco smart: le app che semplificano il cambiare casa

Immagine
Quando si sta cambiando casa, l'entusiasmo e l'emozione vengono sostituiti dallo sconforto quando si arriva al momento dell'organizzazione del trasloco. Certo, è possibile affidarsi alle imprese che si occupano di traslochi, ma se si volesse contenere le spese? In questo post troverai qualche semplice trucco per rendere pratico, economico e smart il tuo trasloco. Grazie al nostro smartphone possiamo trovare alcune app particolarmente utili, grazie alle quali è possibile creare degli "scatoloni" virtuali, con tanto di foto, in modo da sapere in quale scatolone è stato sistemato un determinato oggetto. Per questa funzione puoi installare app  come HomeInventory e BoxMeUp. Grazie alla app MoveAdvisor invece, puoi calcolare il peso e l'ingombro degli scatoloni, rendendo più semplice il momento in cui dovranno essere trasportati nella nuova casa e risistemato tutto il contenuto.  Se ti occorre un trasportatore, per trovare quello più economico puoi utilizzare la ap

Isolare dal freddo le pareti interne della propria casa

Immagine
Una casa può essere isolata dal freddo non solo tramite cappotto esterno, ma anche mediante le pareti interne. Una soluzione di questo tipo, non solo isola dal freddo, ma limita anche l'umidità, oltre che ottenere un risparmio sulle bollette e ridurre le emissioni di CO2 proteggendo l'ambiente.  Vi sono tre diverse tipologie di materiali utilizzabili per l'isolamento termico, quali: naturali, minerali o sintetici.  Tra gli isolanti naturali , riciclati ed ecologici, rientra ad esempio il sughero, il quale ha ottime proprietà, oltre che essere 100% eco-friendly. Il sughero è particolarmente isolante e si può utilizzare sia per pavimenti che per le pareti, ha una durata lunga e protegge dall'umidità, inoltre è ipoallergenico. Un ulteriore materiale naturale isolante è il geotessuto, il quale è realizzato con materiali tessili riciclati e riciclabili e che offre un ottimo isolamento acustico e termico. Tra gli isolanti minerali più utilizzati troviamo la fibra di vetro, u

Tendenze: quando un murale di Banksy aumenta il valore della casa

Immagine
La street art può aumentare il valore di una casa invece di diminuirlo? La risposta è sì. È successo a Bristol, dove la signora Aileen Makin stava per vendere la propria casa per circa 300.000£ (poco più di 350.000€), ma le trattative sono state interrotte dalla comparsa, su una delle facciate, di un'opera del famoso artista Banksy: ora per la vendita della casa, la proprietaria può incassare più di 5 milioni di sterline.  I documenti per la vendita erano pronti per essere firmati, quando è comparso il nuovo murale dell'artista di cui nessuno conosce l'identità, che ha completamente stravolto il valore della casa. Il murale ritrae una signora che starnutisce, per questo motivo è stato ribattezzato Aachoo!! , ed è stato rivendicato da Banksy sul suo profilo Instagram. La particolarità del murale è che trovandosi in una strada in pendenza, visto da una certa angolazione, sembra che lo starnuto della signora abbia inclinato gli edifici della via.   È stata immediatamente insta

Affitti di immobili commerciali: prorogato il bonus al 60%

Immagine
Il Decreto Ristori e il Decreto Ristori Bis prorogano il bonus fiscale sugli affitti degli immobili commerciali e introducono anche la possibilità di usufruire a questa agevolazione a ulteriori categorie che erano rimaste escluse dall'ultimo Dpcm di novembre.  Tutte le imprese che si trovano in zone caratterizzate dalla massima gravità, possono contare contare su un credito di imposta a fondo perduto, cedibile al proprietario dell'immobile affittato pari al 60% del canone relativo ai mesi di ottobre, novembre, dicembre. Di tale agevolazione può usufruire anche chi ha contratti di affitto d'azienda, con un tetto massimo del 30%. Inizialmente il bonus affitto era stato introdotto dal Decreto Ristori per i mesi di marzo, aprile e maggio, poi esteso ai mesi di ottobre, novembre, dicembre.  Ora il contributo può essere richiesto da tutte le attività produttive avviate nell'anno 2019, senza il vincolo di una diminuzione del fatturato equivalente al 50%.  Per poter usufruire d

Nuda proprietà: di cosa si tratta e come funziona?

Immagine
Quando si parla di "nuda proprietà" di un immobile, a grandi linee sappiamo tutti di che cosa si tratta, ma probabilmente ci sfuggono alcuni dettagli. Quindi, cos'è nello specifico la nuda proprietà? Con questa espressione si sta indicando il valore di un immobile decurtato dell'usufrutto, ossia con la possibilità che un altro soggetto usufruisca di tale immobile. In poche parole, il proprietario dell'immobile lo mette in vendita, ma conserva comunque il diritto di viverci fintanto non sarà raggiunta la scadenza che è stata indicata nel contratto di vendita. Il soggetto che acquista diventa quindi il nudo proprietario, mentre il venditore diventa l'usufruttuario. Per determinare il valore dell'immobile occorre avvalersi di una perizia professionale. Nello specifico viene moltiplicato il valore di mercato dell'immobile per un coefficiente, il quale viene determinato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, che dipende dall'età dell'usufr

Tendenze: lo stile "raw" per rinnovare la tua casa

Immagine
Trascorrendo molto tempo tempo in casa, potrebbe venirvi voglia di rinnovare gli ambienti domestici, rendendoli più accoglienti. Il trend del momento è quello dello stile raw che letteralmente significa grezzo/crudo che ha l'obiettivo di rendere gli spazi della casa più curati grazie all'utilizzo di elementi e materiali naturali, oltre che l'utilizzo di piante come decorazione degli ambienti.  Uno stile di questo tipo favorisce il sentirsi al contatto con la natura, anche quando si è costretti per lungo tempo a restare dentro casa. Il suo scopo è quello di donare agli spazi domestici un clima di serenità, calma e pace, andando ad utilizzare materiali ed elementi semplici e primitivi. Tra tutti vengono utilizzati maggiormente le fibre naturali, il legno e  la pietra; in generale si va alla ricerca dell'essenziale, con linee semplici e l'utilizzo di legno decapato.  Lo stile raw prevede ambienti curati e in ordine, ma va alla ricerca dell'imperfezione, con detta

Appartamento vuoto, le spese condominiali vengono ridotte?

Immagine
Quando un appartamento all'interno di un condominio è vuoto, le spese condominiali devono essere comunque pagate? Oppure potrebbero, quantomeno, subire una riduzione? Purtroppo no, infatti, acquistando un immobile all'interno di un complesso condominiale, vengono assunti precisi obblighi, tra i quali rientra anche il pagamento delle spese in merito alla manutenzione di aree comuni.  All'interno del Codice Civile è previsto che le spese inerenti a manutenzione, conservazione e godimento di zone comuni dell'edificio devono essere sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno. In altre parole: le spese condominiali sono direttamente proporzionali alla quantità di millesimi di cui il soggetto è proprietario. Questo perché quando si acquista un immobile in un condominio, automaticamente si diventa proprietari anche delle parti comuni (come le scale, l'ascensore, il giardino se presente ecc), indipendentemente dall'uso che ne fa

Natale in casa? Assicurati di avere gli addobbi perfetti!

Immagine
Quest'anno passeremo sicuramente un Natale diverso dal solito, un Natale prettamente casalingo. Assicuriamoci quindi di avere gli addobbi perfetti e di vestire la nostra casa al meglio! In questo post abbiamo preparato alcuni consigli utili per rendere una perfetta atmosfera natalizia. Innanzitutto occorre tenere conto delle dimensioni della casa.  Attenzione a non sovraccaricare un spazio piccolo, utilizzando addobbi troppo ingombranti che renderebbero l'ambiente soffocante. Per non rinunciare all'atmosfera natalizia in un appartamento di dimensioni ridotte bastano pochi e semplici accorgimenti. Invece di un vero e proprio  albero di Natale, addobba un ramo in un vaso di vetro, oppure posiziona piccoli alberelli di legno su una mensola o sul tavolo. Un'altra soluzione può essere quella di decorare gli oggetti della tua quotidianità: aggiungi le palline sulle mensole o appendile alle maniglie delle porte e addobba le sedie con fiocchi natalizi.  Tra gli imperativi di qu

Edilizia green: le aziende sostenibili sono il futuro del settore

Immagine
Le aziende che si occupano di edilizia green rappresentano il futuro del settore. Nell'arco degli ultimi 15 anni infatti le imprese edili e le società immobiliari si sono dovute adattare alle normative che spingono verso un efficientamento energetico degli edifici sempre più elevato.  Sicuramente, questo trend positivo gioca a favore dell'ambiente, inoltre, con il migliorare della disponibilità degli indicatori ambientali vediamo una crescita degli investimenti, in quanto chi investe è facilitato nell'individuare aziende con comportamenti sostenibili. L'evoluzione del settore edile è una spinta e un'opportunità per le aziende più avanzate nel percorso di transizione energetica. Per quanto riguarda chi ha tardato ad adeguarsi al trend invece, si rischia di incappare in un forte abbassamento di valore dei lori beni, perchè le normative del futuro potrebbero arrivare addirittura a proibire la locazione di edifici con bassa efficienza energetica.  Per fare un esempio, a

Cedolare secca per i negozi ancora possibile

Immagine
Per i contratti di locazione stipulati o rinnovati nel corso del 2019, senza optare subito per il regime fiscale alternativo, la scelta può essere effettuata nelle annualità successive. L'opzione per accedere al regime della cedolare secca per i canoni che derivano dalla locazione di immobili destinati all'uso commerciale, permessa alle persone fisiche che non agiscono nell'esercizio di impresa, è consentita anche nelle annualità successive alla stipula del contratto. La scelta va però comunicata entro il termine previsto per il pagamento annuale dell'imposta di registro. Parere dell'Agenzia delle eEntrate, interpello 388 d el 22 settembre 2020 Photo Credits: pixabay.it Visita  https://www.serviziimmobiliari.eu/  per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

La cameretta dei più piccoli: consigli per arredarla

Immagine
Arredare la camere dei bambini non è un'operazione semplice come potrebbe sembrare. Per ottenere un buon risultato, infatti, occorre tenere in considerazioni alcuni fattori.  Primo fra tutti, bisogna tenere conto che i bambini crescono e cambiano le loro esigenze, ma questo non significa che sia possibile cambiare i mobili e rivoluzionare la cameretta ogni anno. Per compiere scelte corrette e funzionali bisogna tenere bene a mente alcuni punti fondamentali, come la praticità, la praticità e sicuramente il loro gusto personale.  Sicuramente la praticità la si ottiene con una cameretta versatile: considerando che i bambini crescono è importante che i mobili della loro stanza siano trasformabili e adattabili. In questo modo, la camera sarà "nuova" e adatta a loro in ogni fase della crescita. Attenzione anche ai colori: se da una parta la tinta unita può essere una scelta un po' monotona, dall'altra cavalcare l'onda della fantasia può essere rischioso a causa di s

Casa concessa in usufrutto: chi paga l'Imu?

Immagine
Il prossimo 16 dicembre scadrà il termine per pagare la seconda rata dell'Imu 2020, ma qualora l'immobile fosse stato concesso in usufrutto, sarà il nudo proprietario o l'usufruttuario a dover farsi carico del pagamento della tassa? È l'usufruttuario a dover versare la quota Imu, in quanto la normativa vigente prevede che il soggetto passivo dell'imposta è il possessore "a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e superficie". Per quanto riguarda il nudo proprietario, invece, egli continuerà a versare le imposte sulla casa presso la quale ha stabilito la propria dimora abituale. Qualora si trattasse dell'abitazione principale allora la tassa non sarà dovuta, mentre nel caso in cui si trattasse di abitazione di lusso, allora verranno applicate le aliquote corrispondenti.  Photo Credits: Google Images e Pinterest.it Visita  https://www.serviziimmobiliari.eu/  per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

Fondo di sostegno alle locazioni potenziato per il 2021 e 2022

Immagine
Tra le misure del Mit (Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti) per la legge di Bilancio 2021 è previsto un intervento in ambito delle politiche abitative; vi è infatti ancora un sostegno all'affitto. Troviamo infatti un rifinanziamento al Fondo di sostegno delle locazioni, rivolto a quei nuclei famigliari che hanno basso reddito e vivono in un immobile preso in locazione.  Il Ministero, nel suo documento, riporta un potenziamento del Fondo nazionale per l'accesso alle abitazioni concesse in locazione che prevede 160 milioni nell'anno 2021 e 180 milioni nel 2022.  Lo scorso ottobre il decreto proposto dalla ministra Paola De Micheli ha ottenuto il via libera. Inoltre, sono stati stanziati ulteriori 140 milioni di euro per le famiglie a basso reddito che vivono in affitto e 20 milioni di euro per gli studenti fuori sede che risiedono in un luogo diverso rispetto a quello in cui si trova l'immobile concesso in locazione.  Photo Credits: Google Images e Pinterest.it

La Rubrica di Valeria: combattere l'inquinamento indoor

Immagine
Dall'Organizzazione Mondiale della Sanità arriva un grave allarme: oltre il 15% delle malattie croniche vengono causate dalla qualità dell'aria. Ogni giorno infatti vendiamo esposti a contaminanti biologici e emissioni chimiche. Questo non riguarda solo l'esterno, ma anche le nostre case, dove spesso non badiamo a quali arredi, rivestimenti, pavimenti e intonaci utilizziamo.  All'interno delle nostre case possono accumularsi sostanze chimiche dannose per la nostra salute, quindi, il primo passo per diminuirne la concentrazione è quello di areare spesso gli ambienti. Assicuratevi di aprire 2/3 volte al giorno le finestre, per un tempo di almeno 5 minuti. Questo non solo per smaltire queste componenti dannose, ma anche per regolare temperatura e umidità degli ambienti.  Installare impianti di ventilazione meccanica controllata, favorisce un ricambio continuo dell'aria all'interno delle nostre case: sono quindi dei validi alleati nella guerra all'inquinamento i

Superbonus 110%: è valido per gli immobili commerciali?

Immagine
L'Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti in merito alla possibilità di usufruire del Superbonus al 110% per gli immobili commerciali.  Per i locali commerciali che si trovano all'interno di stabili condominiali è possibile richiedere il Superbonus, qualora gli interventi fossero relativi a zone comuni dell'edificio.  Il Superbonus infatti nasce per agevolare i lavori eseguiti su unità abitative e su parti comuni di edifici, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 21 dicembre 2020. Restano quindi esclusi gli immobili commerciali, ma se l'intervento viene eseguito sulle parti comuni dell'edificio residenziale, il bonus viene ripartito tra i condomini, compresi, quindi, i proprietari di immobili commerciali che fanno parte di tale condominio.  L'Agenzia fornisce chiarimenti anche in merito al caso in cui in un condominio vi fosse una maggior percentuale di uffici e immobili commerciali, rispetto alle unità residenziali. In questo caso, qualora la su

Tendenze: Villa Sophia la casa più smart che ci sia

Immagine
Villa Sophia, a Praga sulle colline di Troja, è una casa che rappresenta il fiore all'occhiello della tecnologia smart. Progettata dallo studio di architettura Coll Coll , si trova in un quartiere residenziale immerso nel verde, con vista panoramica sulla città.  Verde e città sono legati in modo indissolubile anche nella scelta di materiali ecosostenibili e durevoli, oltre che una particolare attenzione all'abbattimento delle barriere architettoniche. La forma a elica della casa consente di avere numerose viste, sia sul verde che la circonda, che su Praga. In merito alla sostenibilità, i materiali utilizzati sono stati impiegati sono stati testati per elasticità, resistenza, durevolezza e stabilità chimica.  La casa ha la capacità di agire in autonomia e prendere decisioni, basandosi sulle abitudini di chi la abita. L'obiettivo dello studio Coll Coll era quello di ottenere un'abitazione che fosse funzionale, senza compromessi e che trovasse riscontro nella perfetta int