Una casa green: incentivi per la bioedilizia

Perché conviene un'abitazione ecosostenibile? Perché si tratta di un immobile che, innanzitutto, ha un impatto ambientale limitato, ma anche perché ha bassi consumi energetici oltre che costi di gestione limitati. 

Se state cercando una casa nuova, troverete sul mercato un'ampia offerta di immobili in classe A e in classe B, con prezzi piuttosto accessibili. Chi invece non vuole acquistare una nuova casa, ma vuole rendere più green la propria, può usufruire degli incentivi per la bioedilizia, i quali sono stati prorogati anche per il 2020 dalla Legge di Bilancio. 
Nello specifico possiamo beneficiare di 2 differenti bonus, i quali permettono di detrarre le spese per gli interventi effettuati per rendere più ecosostenibili i nostri immobili. 

Primo fra tutti è sicuramente l'Ecobonus: una detrazione Irpef con aliquote che vanno dal 50% al 65% per le singole unità e arrivano fino al 75% per lavori condominiali; la percentuale di spesa detraibile dipende dal grado di efficientamento raggiunto dall'immobile in base. L'Ecobonus riguarda gli interventi che sono finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica della propria abitazione e viene prorogato anche per l'anno 2020.

Il Bonus Verde, introdotto a partire dal 2019, sembrava non venisse riconfermato per il 2020, ma secondo le ultime novità sarà confermato anche per il prossimo anno. Si tratta di una detrazione del 36% sulle spese sostenute per interventi di rifacimento e/o sistemazione di aree verdi private di unità immobiliari, pertinenze, recinzioni, realizzazione di giardini pensili e coperture a verde, pozzi e impianti di irrigazione. Il Bonus Verde ha un tetto massimo di spesa di 5.000€ per ogni unità immobiliare, quindi vengono detratti un massimo di 1.800€ ripartiti in 10 rate, una all'anno per 10 anni.

Per quanto riguarda i piccoli accorgimenti che possiamo adottare dentro le nostre abitazioni, vi è sicuramente quella di optare per l'illuminazione a led, la quale permette di avere un grande risparmio energetico, diminuendo quindi anche il prezzo delle bollette; inoltre per un'abitazione più ecologica si può prediligere il legno, rispetto ad altri materiali, per gli infissi. 

Per quanto riguarda l'acquisto di case ecologiche o per il miglioramento dell'efficienza energetica di quelle già esistenti, esiste il "Energy Efficient Mortgages Pilot Scheme". Si tratta di un piano europeo, al quale hanno aderito anche alcune banche italiane, che è volto a rendere più accessibili i "mutui green", ossia dei finanziamenti a tasso agevolato per chi costruisce o acquista una casa ecologica o per chi intende migliorare l'efficienza energetica della propria casa. 

Photo Credits: Pinterest.it


Visita https://www.serviziimmobiliari.eu/ per scoprire i nostri servizi per la gestione fiscale delle locazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

Contratto con più inquilini: cosa succede se recede un solo conduttore

Locazione parziale: un po' di chiarezza su questo contratto

Come procedere nel cambio d'uso da fabbricato rurale ad abitazione