Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2019

Tendenze: gli usi della casa nel 2021 al Next Design Perspectives

Immagine
A fine Ottobre si è tenuta a Milano la seconda edizione di Next Design Perspectives, la conferenza di Altagamma che ha fatto emergere una tendenza importante: il nostro rapporto con la casa sta profondamente cambiando. 

Tra le caratteristiche principali vediamo il vivere la casa con attività che prima erano svolte in altri luoghi: sempre più spesso verranno realizzati ambienti dedicati all'attività sportiva e al fitness, ma anche al lavoro. Inoltre fanno la loro comparsa zone per il relax e la meditazione, in cui trascorrere tempo di qualità, in piena serenità e comfort.

Gli ambienti saranno caratterizzati dalla fluidità: le stanze saranno maggiormente connesse e le loro funzioni saranno definite in modo meno rigido. Potremo, ad esempio, trovare una vasca da bagno all'interno di una camera da letto.

La ricerca della sostenibilità andrà ad investire anche il design, con la nascità di un'economia immateriale ed esperienziale, fatta di emozioni, conoscenza e desideri. Per questo…

Vendita della casa: novità sulle tasse 2020

Immagine
Insieme alla Legge di Bilancio 2020 arrivano alcune novità per quanto riguarda le tasse sulla vendita di una casa.
L'articolo 89, dedicato ai rendimenti de bene, infatti, prevede un aumento che va dal 20% al 26% dell'aliquota dell'imposta sostitutiva per le plusvalenze che vengono realizzate grazie a cessioni a titolo oneroso di bene immobili i quali sono stati acquistati o costruiti da non più di 5 anni. L'attuale legislazione, istituita dalla Legge Finanziaria del 2006, prevede un'aliquota del 20%.

L'applicazione di tale regime sostitutivo deve essere richiesta al notaio in sede di rogito, in quanto è facoltativa. Essa va a sostituire la normale tassazione IRPEf, la quale viene applicata sulla plusvalenza calcolata come differenza che intercorre tra il prezzo di acquisto/costruzione e il prezzo di vendita.

Quindi oltre alla cancellazione dell'aumento della cedolare secca sul canone concordato dal 10% al 12,5% e delle imposte ipotecarie e catastali, la Legge …

La Rubrica di Valeria: idee per i tuoi spazi esterni durante l'inverno

Immagine
Con l'arrivo della stagione invernale, generalmente gli spazi esterni delle nostre casa vengono trascurati e vissuti meno rispetto all'estate. In questa rubrica troverete diverse idee per gestire terrazzi, giardini e balconi anche durante l'inverno e con qualche accorgimento potrete godere di questi ambienti anche con il freddo.

Innanzitutto se volete isolare il vostro terrazzo e/o balcone potete circondarlo con schermature di vetro, o di plexiglass, in modo da tenere a bada il vento e il freddo. Per rendere l'ambiente ancora più vivibile, potete installare una stufa con diffusore di calore. 

Per chi dispone di un giardino è possibile disporre una sorta di cortile chiuso, installando una veranda, la quale vi permetterà di creare un ulteriore ambiente caldo da poter vivere con la famiglia e gli amici. 

Un'altra soluzione per chi dispone di un grande terrazzo o di un giardino è quella di installare un gazebo in legno, chiudendolo con pannelli di polibicarbonato traspare…

Bonus 2020: quali sono stati confermati?

Immagine
Con la Legge di Bilancio 2020 sono state confermate e prorogate la maggior parte delle detrazioni fiscali in vigore gli anni scorsi, mentre una di queste esce di scena.

Nello specifico, a non essere più valida a partire dall'anno 2020, è il Bonus Verde, il quale prevedeva una detrazione del 36% per la sistemazione dei giardini e del verde, che probabilmente non ha soddisfatto le aspettative. Vedremo invece l'entrata in vigore di una nuova detrazione fiscale, dedicata all'abbellimento delle facciate.

La Legge di Bilancio definisce la bozza del Bonus Facciate in modo molto ampio, infatti potranno essere detratte spese relative agli interventi di restauro o recupero delle facciate, compresi gli interventi di manutenzione ordinaria. Il Bonus Facciate prevede, a partire dal 2020, uno sconto che si innesca sulla base del Bonus Ristrutturazioni, portando quindi la percentuale detraibile dal 50% al 90% per le spese con relativa documentazione. Inoltre non viene posto alcun limite di…

La consegna differita dell’immobile configura il contratto di comodato?

Immagine
La consegna di un immobile entro e non oltre 15 giorni dalla stipula del rogito di vendita, non è inquadrabile nel contratto di comodato d'uso. È la risposta (n.458 del 31 Ottobre 2019) che l'Agenzia delle Entrate fornisce all'interpello di un contribuente.

Il contribuente riteneva che la consegna differite pattuita in una compravendita, non andasse a costituire un contratto di comodato, bensì una mera pattuizione della consegna del bene oggetto di compravendita. Si tratta di un'obbligazione disciplinata nel tipo di vendita, non un contratto, per la quale non è quindi richiesto il versamento di un'imposta fissa di registro.

L'Agenzia delle Entrate sottolinea, citando l'articolo 1803 del c.c., che il comodato è un contratto mediante il quale un soggetto consegna all'altro una casa mobile o immobile, della quale, il secondo soggetto, potrà servirsene per un tempo o un uso specifico, con l'obbligo di restituire la medesima cosa ricevuta. Quindi, analizza…

Imu e casa occupata abusivamente

Immagine
La soggettività ai fini Imu è legata al presupposto normativo del possesso del relativo immobile. Tale soggettività viene meno qualora ci si trovi in presenza di una causa di forza maggiore, la quale impedisce il possesso dell'immobile. Un esempio è quello di una casa occupata abusivamente, senza la stipula di alcun contratto preventivo, che spoglia quindi il legittimo proprietario del possesso dell'immobile. In questo caso il proprietario non è tenuto a versare l'Imu.

Viene sottolineato che un'interpretazione differente andrebbe a contrastare il principio costituzionale di capacità contributiva, perché andrebbe ad assoggettare il proprietario dell'immobile al pagamento di una tassa su un bene di cui effettivamente non dispone, a causa di eventi estranei alla sua volontà. Questo emerge dalla sentenza della Ctr Lombardia n. 4133/2019 del 23 ottobre 2019.

La vicenda nasce dall'impugnazione, da parte del Fallimento di una società di capitali, di alcuni avvisi di acc…