Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2018

Ravvedimento operoso: il salvavita per versamenti omessi o altre irregolarità fiscali

Immagine
In caso di registrazione di un contratto di locazione presso l'Agenzia delle Entrate, si è tenuti a versare l'imposta di registro, istituita dal D.P.R. numero 131/1986 . 

Il contratto di affitto, infatti, deve essere registrato entro 30 giorni dalla data più vecchia presente sulla scrittura  privata.

Il ravvedimento operoso viene in aiuto in caso di mancato o tardivo versamento dell'Imposta di Registro per gli adempimenti successivi e nel caso ci sia l'omissione o la tardiva presentazione della registrazione del contratto di locazione.


Con questo strumento, si dovrà versare una sanzione ridotta rispetto a quella prevista della normativa vigente in caso di accertamento della violazione.
Quali sono le sanzioni ridotte?
Le sanzioni ridotte sono diverse in base a ciò che è stato omesso. Vediamo ora i vari casi.
1) Le sanzioni ridotte per omesso ritardato o insufficiente versamento dell'imposta di registro o per imposte per adempimenti successivi, sono:
entro 14 giorni dalla s…

Devi vendere una casa cointestata?

Immagine
È cosa piuttosto comune che una casa sia cointestata, vuoi perché sia stata acquistata da contitolari o vuoi perché l'immobile sia stato ereditato. Nel momento in cui si vuole mettere in vendita questo bene, come bisogna comportarsi?

Per vendere un immobile cointestato occorre innanzitutto il consenso di tutti i contitolari, i quali devono recarsi dal notaio per firmare l'atto di vendita, infatti, il rogito firmato da un solo proprietario non ha alcuna validità. Per quanto riguarda il preliminare di vendita, se questo viene sottoscritto da uno solo dei comproprietari, vincola solo il firmatario. Nel caso in cui questi non riesca ad ottenere prima del rogito il consenso di tutti gli altri titolari, dovrà risarcire i danni all'acquirente. 

Nel caso in cui non vi sia il consenso di tutti i proprietari vi sono alcune alternative. 
La prima possibilità è l'accordo che viene rimesso alle parti. In questo caso, il proprietario che volesse liberarsi della propria quota, potrebbe …

Novità per gli affitti brevi: la data di comunicazione dei dati al Fisco è stata prolungata

Immagine
In questo post trovate la definizione di locazione breve e per quali affitti brevi è possibile scegliere la cedolare secca. In questo articolo, invece, parleremo del provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 20 giugno 1018, riguardo i dati da comunicare per le locazioni brevi.
Per quanto riguarda infatti gli affitti brevi conclusi nel 2017, la comunicazione telematica al fisco è Stata prolungata dal 30 giugno al 20 agosto 2018.



I dati da comunicare
I dati da comunicare sono il nome, cognome e codice fiscale del locatore, la durata del contratto, l’importo del corrispettivo lordo e l’indirizzo dell’immobile.
Chi deve comunicare questi dati? I soggetti che esercitano l'attività di intermediazione immobiliare, compresi quelli che gestiscono portali telematici, sono quelli che devono comunicare le informazioni riguardo gli affitti breve al Fisco. Queste persone infatti, mettono in contatto chi è in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.



Photo…

A cosa servono i rendering?

Immagine
I disegni tecnici hanno da sempre dominato la scena della progettazione, permettevano infatti al progettista di fornire tutte le informazioni necessarie (altezze, quote, volumi ecc.). Oggi, grazie alla continua evoluzione tecnologica, è possibile realizzare rendering fotorealistici che permettono di ottenere vantaggi sia in fase di progettazione che in fase di vendita. Infatti, oltre alla possibilità di lavorare con una precisione millimetrica sia nel calcolo di superfici e volumi che nel computo metrico, permettono anche di mostrare al cliente la costruzione con viste tridimensionali di foto realistiche, immediatamente comprensibili e particolarmente fedeli alla realtà. 

Con il termine rendering intendiamo quel processo che consente di ottenere un'immagine artificiale molto realistica, partendo da un modello tridimensionale elaborato. Si tratta quindi di una modellazione tridimensionale basata su dati di progetto; il modello geometrico realizzato viene rivestito con colori identic…

Ristrutturazione bagno: come usufruire delle agevolazioni del bonus casa 2018

Immagine
Il bonus ristrutturazioni può comprendere anche detrazioni fiscali per le spese riguardanti il rifacimento del vostro bagno
E' doveroso fare una premessa all'inizio di questo articolo: c'è una bella differenza tra un’operazione di ammodernamento del proprio bagno (per esempio, sostituzione dei sanitari o tinteggiatura delle pareti) e lavori di rifacimento totale che presuppongano interventi sugli impianti.
Il bonus ristrutturazioni, infatti, riguarda gli interventi di manutenzione straordinaria, lavori generalmente di ristrutturazione e di cui è necessaria la CILA, ossia la Comunicazione Inizio Lavori Asseverata, da presentare all'ufficio tecnico del proprio comune.
Non rientrano nel bonus invece gli interventi di manutenzione ordinaria, che consistono nel rinnovamento di sanitari e dei rivestimenti; questi rientrano nell’ambito delle attività di edilizia libera per cui non è necessario richiedere alcuna autorizzazione.
Quali sono quindi gli interventi nel proprio bagno pe…

Gentrificazione: scopriamo questo nuovo fenomeno nato negli Stati Uniti e che sta accadendo anche in Italia

Immagine
La gentrificazione è il fenomeno per cui in quartieri storicamente abitati dalle fasce più povere della popolazione, si trasferiscono in massa nuovi abitanti più agiati,  con conseguente aumento degli affitti e di una drastica trasformazione dell’identità del posto, che porta gli abitanti "storici" a trasferirsi.

La "storia" della gentrificazione

Il termine “gentrificazione” è un’italianizzazione della parola inglese gentrification, che deriva da gentry, ossia "piccola nobiltà". Questo termine fu inventato nel 1964 dalla sociologa Ruth Glass che notò cosa stava succedendo a Londra in quartieri operai come Islington, dove a partire dagli anni Sessanta si trasferirono molte persone delle classi più agiate. Nei decenni successivi, la gentrificazione è stata un fenomeno sempre più comune ed evidente, che ha interessato molte grandi città europee ed americane. 
Sempre negli anni Sessanta e Settanta, infatti, i centri urbani americani e occidentali persero popolaz…

Una vera rivoluzione della compravendita immobiliare: le PropTechs

Immagine
Fino a due anni fa non se ne parlava ancora, ma esistevano delle startups immobiliari decise a rivoluzionare il mercato: le PropTechs.

PropTech è un termine collettivo, utilizzato per indicare quelle startups che forniscono prodotti innovativi, tecnologici o dei nuovi modelli per il mercato immobiliare. Si tratta quindi di un termine che definisce una piccola parte di una trasformazione più ampia dell'industria immobiliare, che comprende cambiamenti tecnologici, ma anche cambiamenti di mentalità del settore, dei consumatori e delle attitudini. 

Le PropTechs sono quelle imprese che cercano di migliorare il settore immobiliare, tenendo conto del contesto digitale e dei nuovi modi di acquistare e consumare. Alcuni assi portanti della rivoluzione in atto sono ad esempio la startup immobiliare pure Proptech, quella relativa agli edifici intelligenti Smarthome, quella dell'economica collaborativa Sharing Economy ed infine ConTech impresa di costruzioni tecnologicamente avanzate e FinT…

Come affrontare l'acquisto di un immobile all'asta

Immagine
L'acquisto di un immobile all'asta ha acquisito grande importanza, nel corso dell'ultimo decennio, a causa della crisi e grazie ai nuovi decreti creati per agevolare la vendita all'asta.
Il grande vantaggio è, indubbiamente, quello economico, infatti l'acquisto di un immobile all'asta spesso permette il risparmio di cifre considerevoli.
Bisogna, però, considerare che il procedimento ha spesso tempi imprevedibili e richiede una particolare attenzione per le procedure da seguire e per le tempistiche che riguardano il prima, il durante e il dopo asta. A certificare lo stato dell'immobile è una perizia disponibile presso la segreteria del tribunale. Si consiglia sempre il supporto di un legale e/o di un professionista del settore per assicurarsi di concludere un acquisto che sia effettivamente vantaggioso e per essere sicuri di svolgere nel modo giusto tutti i vari passaggi.
Come si svolge un asta?
Nella fase pre-asta bisogna controllare tutti i documenti con almen…

Come prepararsi al pagamento delle rate Imu e Tasi di Giugno 2018

Immagine
Imu e Tasi 2018: tutto quello che c'è da sapere per la prima rata di giugno

Entro il 18 giugno 2018, i cittadini che possiedono immobili diversi da quelli per cui sono state previste delle specifiche cause di esclusione o esenzione da parte del Comune stesso,saranno tenuti a pagare la prima,o unica per chi vuole, rata dell'IMU 2018 e della TASI 2018.

Sono online le nuove versioni dei calcoli IMU e TASI 2018 ma non ci sono particolari novità normative e quindi i calcoli sono sostanzialmente uguali al 2017.

Le aliquote IMU e TASI fanno parte della IUC, ossia l'imposta unica comunale,  istituita con la legge di Stabilità 2014. Per calcolare le due aliquote, bisogna tener conto delle nuove versioni dei calcoli per il 1018, ma non ci sono particolari novità normative e quindi i calcoli sono sostanzialmente invariati al 2017. 



Chi paga l’IMU 2018?

L'aliquota più conosciuta, sarà pagata dai proprietari di:
una casa di lusso come abitazione principale, per cui con categorie catastal…

Nuda proprietà e usufrutto: vantaggi e oneri fiscali

Immagine
La nuda proprietà è in genere un’opzione di investimento per chi punta sulla rivalutazione del mattone nel lungo periodo, senza avere immediate necessità né abitative (ovviamente la casa resta a disposizione dell’usufruttuario fin quando è in vita), né di redditività (comprare per affittare). 
Quali sono vantaggi? Per chi vende il vantaggio sta nel fatto che questa formula ti permette di ricavare della liquidità ma senza andare fuori casa e senza aprire un mutuo. Per chi compra comporta acquistare a prezzi ridotti in funzione dell’età (quindi all’aspettativa di vita) del venditore, attendendo il momento della morte per diventare pieno proprietario dell’immobile. Questa procedura è prevalentemente usata, ad esempio, da chi compra in vista di dare l’immobile ad un figlio ancora piccolo.
E gli oneri fiscali? Chi compra paga le imposte indirette in base alle aliquote ordinarie ovvero se vi sono i requisiti di prima casa paga il 2% sul prezzo/valore catastale; se seconda casa, paga il 9%. La ba…

Scopriamo tutte le caratteristiche del Bonus Schermature Solari 2018

Immagine
Bonus tende: di cosa si tratta e come funziona

Torniamo a parlare dell'ecobonus 2018: questa volta tratteremo l'argomento "Bonus tende", per far chiarezza su quali spese sono detraibili, per quale importo e a chi spetta il bonus.

Il bonus tende 2018 è un'agevolazione fiscale per chi acquista tende da sole, sia da esterno che da interno per la casa, usufruendo di una detrazione IRPEF al 50% sulle spese sostenute, purché si rispettino requisiti indicati nell'Allegato M del Dlgs 311/2006.

Lo Stato ha deciso di istituire questo bonus, che rientra nell'Ecobonus, per incentivare i cittadini a far interventi di schermatura solare nelle proprie case, così da evitare gli sprechi e così da contenere il riscaldamento eccessivo che i raggi solari producono.


Quali tende comprende il bonus?



Il bonus vale quindi per:
le tende: tende da sole e da interni, a rullo, per serre, da veranda, plissettate;zanzariere e tende antiinsetto qualora dotate di schermatura solare;persiane, …

Quando serve il permesso per costruire gazebo e porticati?

Immagine
Quando serve il permesso costruire? Per i gazebo non precari, ovvero quelli destinati a soddisfare esigenze permanenti, non è rilevante la precarietà della struttura né l’amovibilità né la mancanza di opere manuarie, ciò che conta è l’utilizzo che si fa del manufatto. Questo tipo di gazebo necessita di permesso di costruzione anche nel caso in cui la struttura alteri lo stato dei luoghi incrementando il carico urbanistico.Stesso discorso vale per i porticati, i quali si definiscono non precari, non per i materiali o il tipo di fissaggio a terra, ma per l’uso a cui sono destinati. É anche importante considerare le dimensioni del porticato rispetto alla costruzione principale.Quando si parla di edilizia libera? Tutti gli interventi considerati di edilizia libera sono catalogati in un glossario unico (DM 2 marzo 2018): All’interno del glossario troviamo anche il gazebo, il quale, però, deve avere limitate dimensioni e non deve essere stabilmente infisso al suolo.Inoltre rientrano nell’elenc…