Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2017

Casa in classe A: perché conviene

Immagine
Gli incentivi fiscali e gli obblighi di legge contribuiranno a diffondere sempre più le abitazioni ad alta prestazione energetica, ma al momento, a livello di compravendite, rappresentano ancora una nicchia. Questo perché questa classe comporta costi maggiori, ma come fare a capire se l'investimento conviene? In quanto tempo si riesce ad ammortizzare la spesa? Quanto vale di più l'immobile?

Una casa in classe A ha costi più alti rispetto ad una abitazione con classe energetica più bassa, questo perché per la sua realizzazione si hanno maggiori spese: è costruita meglio e a parità di finiture e strutture, ha impianti più complessi ed evoluti. Una casa in classe A  è quindi qualitativamente migliore, ad esempio gli isolanti hanno spessore maggiore, il che permette un consumo minore, e i serramenti hanno prestazioni più elevate. 

È complesso capire con precisione quanto il costo di una classe energetica A possa incidere sul prezzo finale della costruzione, questo perché, prima di t…

Deposito del prezzo al notaio

Immagine
La legge sulla concorrenza ha introdotto, dal 29 agosto 2017, la possibilità di depositare il denaro di una compravendita immobiliare presso un conto gestito dal notaio fino alla trascrizione del contratto nei registri immobiliari.


Il deposito del prezzo non è obbligatorio ma l'acquirente può scegliere se avvalersene oppure se rinunciare.


Il consiglio notarile ha appena pubblicato una Guida per spiegare i vantaggi del deposito prezzo al notaio e le tutele per il venditore

Bonus TV 2018

Immagine
Il bonus televisore 2018 ed il bonus decoder 2018, è un contributo economico che spetterà alle famiglie che tra il 2019 ed il 2021 acquisteranno un nuovo televisore Dvb T2 o un nuovo decoder per il digitale terrestre 2.0. Al fine di facilitare e favorire il passaggio e l’adeguamento dei televisori alla nuova tecnologia tv Dvb T2 o ai nuovi decoder per il digitale terrestre, il governo Gentiloni, ha provveduto a destinare con la nuova Legge di Stabilità, risorse per 25 milioni all’anno nel triennio 2019-2022, quale bonus televisori e decoder da destinare alle famiglie.

Tale contributo economico servirà a coprire i costi che le famiglie italiane saranno obbligate a sostenere entro il 1 luglio 2022, per acquistare nuovi televisori Dvb T2 o nuovi decoder. Dal 1 luglio 2022, le attuali apparecchiature di ricezione televisiva, televisori o decoder dotati di tecnologia Dvb T1, non saranno più in grado di ricevere i canali e le trasmissioni televisive a causa del passaggio obbligatorio al nuovo …

Caratteristiche e ambiti di applicazione della cedolare secca

Immagine
La cedolare secca è  un regime opzionale che consente di applicare ai redditi da locazione di immobili abitativi un'imposta sostitutiva, in alternativa alla tassazione ordinaria IRPEF. 

La cedolare secca sostituisce anche:

le addizionali regionali e comunali IRPEFl'imposta di registro (tranne nel caso di cessione dl contratto nel quale è comunque prevista l'imposta di registro du 67 euro)l'imposta di bolloQuali contratti E' possibile applicare il regime opzionale della cedolare secca a tutti i contratti abitativi, a canone libero e a canone concordato. E' possibile optare per la cedolare secca anche nel caso di contratti di locazione breve, di durata inferiore ai 30 giorni per i quali non c'è l'obbligo di registrazione.
Chi può usufruire della cedolare secca Possono usufruire del regime alternativo i locatori persone fisiche "privati" (cioè che non agiscono nell'esercizio di imprese, arti o professioni) proprietari o titolari di diritti reali su…

Cedolare secca e raccomandata

Immagine
Entro il termine di registrazione del contratto,o entro 30 giorni dalla decorrenza dell'opzione,il locatore deve inviare con raccomandata la comunicazione all'inquilino, con cui lo informa della rinuncia all'aggiornamento del canone.
Tale adempimento è a pena di decadenza dell'opzione della cedolare.
La raccomandata non è necessaria se nel contratto è espressamente stabilita una clausola che prevede il divieto di aggiornamento del canone e per i contratti di locazione di durata complessiva nell’anno inferiore a trenta giorni. Con la Risoluzione 115/E del 1° settembre 2017 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che allo stesso modo, in caso di proroga di un contratto che contiene già la rinuncia all’aumento del canone, il locatore non deve inviare alcuna comunicazione mediante raccomandata.

Fac- simile raccomandata

Legge di stabilità 2018: la novità del bonus verde per terrazze e giardini

Immagine
Il DDL delle legge di bilancio 2018 introduce il "bonus verde" che prevede, ai fini delle imposte sui redditi, la detrazione del 36% sulle spese documentate, fini ad un ammontare complessivo non superiore a 5000 euro per unità immobiliare
QUALI LAVORI Le spese devono essere sostenute per i seguenti lavori:
sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.
Tale detrazione spetta anche per le spese sostenute per interventi effettuati sulle parti comuni esterne degli edifici condominiali fino ad un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare.  
In tale ipotesi la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile a condizione che la stessa sia stata effettivamente versata al condominio entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.
Tra le spese agevola…