Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

I nostri consigli per le pulizie di primavera

Immagine
La primavera è arrivata e porta con sé il sole, le prime fioriture e temperature meno rigide.
Quale momento migliore di questo per mettere in pratica le proverbiali pulizie di primavera?

Tra il temuto cambio dell'armadio e piacevoli passeggiate al parco è importante riuscire a ritagliarsi un po' di tempo per pulire e sistemare profondamente la casa che dopo l'inverno deve letteralmente cambiare aria, quindi finestre aperte e aspirapolvere in mano: si inizia!

Conviene cominciare con il fare ordine, sistemando tutto ciò che si trova fuori posto, o che addirittura non lo ha mai avuto, non possiamo di certo fare le pulizie se la casa è in disordine.

Per il cambio degli armadi è assolutamente necessario essere realisti e avere il coraggio di eliminare tutto ciò che ogni anno viene accompagnato da un "lo metterò" e poi viene abbandonato e mai messo, quindi prima di riporre giacche, piumini e maglioni è opportuno escludere ciò che è ormai rovinato, non ci sta più o non ci p…

Canone concordato non solo nei comuni ad alta tensione abitativa

Immagine
Il  Decreto del Min. Infrastrutture e Trasporti del 16 gennaio 2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 62 del 15 marzo 2017 riporta  la possibilità di stipulare contratti a canone concordato ovunque e non solamente nei Comuni ad alta tensione abitativa. Si tratta di una grande novità nel campo delle locazioni. 

Il Decreto detta i " Criteri generali per la realizzazione degli accordi da definire in sede locale per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo a canone concordato, ai sensi dell'art 2, comma 3, della legge 431/98, nonché dei contratti transitori e dei contratti di locazione per studenti universitari ai sensi dell'art 5, commi 1,2,3 della stessa legge".

Il presupposto per contratti di locazione a canone concordato è che vi sia un accordo territoriale ma non è più necessario che il comune ove è sito l'immobile oggetto del contratto sia ad alta tensione abitativa.

Nei contratti 3+2, in regime irpef, gli accordi territoriali potranno prevedere l&…

Si torna a parlare di riforma del Catasto

Immagine
La riforma del Catasto potrebbe essere inserita nel prossimo piano nazionale delle riforme, allegato al DEF (Documento di economia e finanza).
Già nel febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri avrebbe dovuto esaminare la riforma e varare il decreto delegato con i criteri estimativi.
La riforma non fu mai portata a termine in quanto non poteva garantire allo Stato l'invarianza del gettito.
Rimane tuttavia un problema da risolvere, l'aggiornamento delle rendite catastale va comunque portato avanti e la classificazione degli immobili in vani risulta ormai obsoleta.

Il catasto è vecchio di circa 70 anni e non è più, infatti,  indicativo del valore reale dei circa 65 milioni di immobili in Italia e adesso che la Commissione Europea ha ribadito che l'Italia deve portare avanti una delle riforme indicate come prioritarie dall'Europa, sembra che il Governo Gentiloni abbia intenzione di approvare il DEF già ad aprile.


In base alla bozza del Decreto Attuativo della Delega fiscale, …

Online la nuova guida per le ristrutturazioni 2017 dell'Agenzia delle Entrate

Immagine
E' online sul sito dell'Agenzia delle Entrate la nuova Guida Fiscale 2017 per le Ristrutturazioni edilizie nella quale sono riportate tutte le novità introdotte dall'ultima Legge di bilancio (legge n.232 dell'11 dicembre 2016).

La legge di bilancio 2017 ha prorogato al 31 dicembre 2017 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) confermando il limite massimo di spesa di 96.000 per unità immobiliare.

Dal 1 gennaio 2018 la detrazione tornerà nella misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 per unità immobiliare.

La legge di bilancio 2017 ha inoltre prorogato la detrazione del 50% per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) finalizzati all'arredo di immobili oggetto della ristrutturazione.

Dal 2017 la detrazione è consentita solo se l'intervento di ristrutturazione edilizia è iniziato con data  non anteriore al 1^ gennaio 2017.

La legge di bilancio ha inoltre previsto la p…

Attivo il nuovo servizio chat su serviziimmobiliari.eu

Immagine
Vogliamo fornire il massimo di assistenza a voi, nostri clienti e visitatori, per questa ragione sul nostro sito serviziimmobiliari.eu è attiva la nuova funzione chat!



Hai bisogno di consigli o chiarimenti? Non esitare a scriverci tutti i tuoi dubbi, ti risponderemo nell'immediato grazie alla nuova funzione chat. La comunicazione interattiva è sempre più presente nelle nostre vite e ci permette di ottenere risposta ai nostri bisogni nel minor tempo possibile, facilitando e snellendo i passaggi che occorrono per mettersi in contatto con chi propone il servizio.

Nel caso non fossimo online, ti basterà compilare il form della chat, inserendo il tuo indirizzo e-mail e il chiarimento del quale hai bisogno e ti risponderemo il prima possibile.Puoi usufruire della nostra nuova funzione, sia che tu sia collegato al nostro sito serviziimmobiliari.eu tramite pc, sia che tu stia utilizzando uno smartphone o un tablet.

Geometri e periti potranno fare le successioni e le volture

Immagine
L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 42444/2017 del 1 marzo 2017 ha stabilito che accanto ai notai, commercialisti, consulenti del lavoro, anche gli iscritti all'Albo dei Geometri e Geometri Laureati e gli iscritti all'Albo dei periti industriali laureati, in possesso di specializzazione in edilizia, anche riuniti in forma associativa,  sono abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni di successione e delle volture catastali.

"Tale scelta - così riporta il provvedimento - è motivata dalla circostanza che i soggetti in esame, oltre a possedere i necessari requisiti tecnici ed organizzativi, svolgono un ruolo significativo nei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, in particolare per la presentazione delle dichiarazioni di successione e domanda di volture catastali, considerato che tale adempimento, nella gran parte dei casi, comporta un aggiornamento delle basi dati catastali e ipotecarie."